Notizie Locali Economia

Reddito di cittadinanza, bocciata una domanda su tre: ok in Umbria poco più di 5mila

Nella regione accolte il 66% a fronte del 73% di media nazionale

Print Friendly and PDF

Bocciata una domanda su tre per il reddito di cittadinanza in Umbria. Sono esattamente il 32,1% quelle escluse, dal primo esame dell’Inps sulle 7.728 pervenute al 31 marzo. Una percentuale ben più alta del 27% di media nazionale. Lo comunica lo stesso ente previdenziale, facendo il punto sul grosso delle pratiche inoltrate dalle famiglie italiane: 681.736 ovvero l’85% sulle circa 806 mila complessive. Nella regione le domande accolte sono 5.132 sul totale di 7.728. Respinte, invece, il 32,1% cioè 2.482 e mentre 114 sono classificate come “in evidenza” cioè sarà necessario un approfondimento istruttorio. Nel dettaglio, in provincia di Perugia accolte 3.599 e 1.902 respinte su un totale di 5.590 (89 in evidenza). A Terni accolte 1.533 domande e respinte 580 sulle 2.138 totali (25 in evidenza).

Redazione
© Riproduzione riservata
18/04/2019 22:25:25


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Confesercenti Arezzo, l’allungamento del mercato in zona Giotto non deve durare più di due edizioni >>>

Dopo le riaperture scattano gli aumenti: andare dal parrucchiere può costare il 30% in più >>>

“Ripartenza? Ora occorre carburante vero, altrimenti rischiamo grosso” >>>

Il mercato ad Arezzo torna alla normalità con tutti i suoi banchi >>>

Valdichiana, appello ai sindaci per sostenere le imprese >>>

Gli imprenditori non sono untori. No alla responsabilità penale se il lavoratore si ammala >>>

La vittoria di Confartigianato: ridotta la Tari per le piccole e medie imprese >>>

Tesei: "Crollo del Pil in Umbria stimato sul 6% annuo" >>>

Lunedì riaprono i negozi, ma ristoranti e bar attendono di conoscere le regole >>>

Agriturismi: “Ripartire subito in sicurezza, ma con regole chiare” >>>