Notizie dal Mondo Cronaca

È morto Peter Fonda, il ribelle in moto in "Easy Rider"

E' morto a causa di complicanze respiratorie

Print Friendly and PDF

A 79 anni è morto l'attore Peter Fonda, fratello di Jane, che con il suo Easy Rider ha segnato un'intera epoca.

A darne la notizia è stata la sua famiglia. Peter Fonda da tempo era affetto da un tumore ai polmoni che negli ultimi mesi era stato causa di numerosi ricoveri ospedalieri.

Sebbene in carriera abbia interpretato svariati ruoli e recitato in numerosi film, è stato il road movie Easy Rider del 1969 a innalzarlo nel gotha degli attori immortali. È stato guru e compagno di un'intera generazione di giovani hippie che dal suo personaggio hanno preso ispirazione. C'è tanto di Peter Fonda in quel film, perché l'attore non ha semplicemente recitato (magistralmente) il suo ruolo ma ha dato un contributo fondamentale alla stesura della sua sceneggiatura, nonché alla produzione stessa del film. “Con Easy Rider travolgemmo ogni regola e scatenammo le ire degli studi, che odiavano me e Dennis Hopper. Solo Jack Nicholson se l' è cavata. A Hollywood pensavano che volessimo fare una rivoluzione: ci chiamavano giacobini. Il governo posso capirlo, ma perché Hollywood aveva tanta paura di noi? Certo, allora solo in certi film europei trovavo qualcosa di interessante. Ma per noi erano anni molto eccitanti. C' era nell'aria in quei tempi un' atmosfera rivoluzionaria: Hollywood era pronta per essere reinventata, la vecchia guardia aveva perso il contatto con il pubblico, soprattutto i giovani. Ed ecco che arriviamo noi, giovani e pieni di idee che la vecchia generazione non capiva; mentre i giovani ci capivano benissimo, e non a caso hanno subito amato Easy Rider” ha raccontato una volta Peter Fonda.

L'attore nella sua vita non è privato di nulla, ha vissuto esattamente come il suo personaggio del film che più di tutti altri lo rappresenta: “Easy Rider era speciale perché noi protagonisti facevamo davvero parte della generazione del sesso, droghe e rock 'n roll. Quando andammo a Cannes con quel film non sapevano come prenderci: io, Dennis e Jack avevamo i capelli lunghi, fumavamo spinelli, bevevamo, eravamo come i personaggi del film, e la gente impazziva per noi. Il movimento del cinema indipendente di oggi non sarebbe esistito senza i registi di quegli anni.” Peter Fonda in queste settimane stava organizzando una grande festa proprio in onore di Easy Rider, che lo scorso 14 luglio ha celebrato i 50 anni dalla prima proiezione. L'evento si terrà il prossimo settembre e sarà anche l'occasione di celebrare il mito di Peter Fonda, che con Easy Rider ha inevitabilmente conquistato lo status di immortalità nella memoria di tantissimi giovani, ora non più giovani, cresciuti con il suo Wyatt e la sua inimitabile "Capitan America", la moto chopper simbolo del film.

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
17/08/2019 12:42:51


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Trovato in Francia il cadavere mutilato di un 44enne italiano >>>

Incidente nucleare di Fukushima, assolti tre ex dirigenti Tepco >>>

Contrasto alle "tv pirata", maxi operazione in sei Paesi Ue, Italia compresa >>>

Anche New York vieta la vendita delle sigarette elettroniche aromatizzate >>>

Attacco ad Arabia Saudita, per gli Usa i missili cruise sono stati lanciati dallʼIran >>>

Gb, 37enne americana sconfigge il cancro e attraversa la Manica per 4 volte di fila >>>

Usa, sogna di ingoiare il suo anello ma lo fa veramente: operata dʼurgenza >>>

Coppia bianca dà alla luce una bimba con tratti asiatici e fa causa alla clinica della fertilità >>>

India, si rovescia battello nel Sud: almeno 12 morti >>>

Attacco alle raffinerie saudite, dimezzata la produzione >>>