Notizie dal Mondo Cronaca

Filippine, corsa contro il tempo per salvare gli animali colpiti dall’eruzione del vulcano Taal

Le autorità hanno sollecitato un'evacuazione totale nel raggio di 17 chilometri

Print Friendly and PDF

Nelle Filippine il vulcano Taal si  è svegliato, e la paura in questi giorni non è solo per gli esseri umani ma anche per agli animali. Le autorità hanno sollecitato un'evacuazione totale nel raggio di 17 chilometri dal vulcano, ma i militari hanno impedito agli abitanti di fuggire portandosi dietro gli animali, domestici e di allevamento. Molti di questi sono morti, soffocati dalla polvere. Ma c’è anche chi si sta occupando di loro: un gruppo di volontari della Peta, (People for the Ethical Treatment of Animals), hanno annunciato che saranno presenti nei centri di evacuazione per dare cibo e assistenza veterinaria agli animali. Sulla loro pagina Facebook hanno anche lanciato un appello chiedendo di segnalare eventuali animali in pericolo e donare denaro, cibo, guinzagli o collari. Il problema è che gli animali respirano molte più particelle dannose rispetto agli esseri umani e per questo possono avere più conseguenze negative alle vie respiratorie, agli occhi e alla pelle. In questi casi è fondamentali portarli il prima possibile dal veterinario. E secondo il dipartimento della salute locale bisogna assolutamente «tenere gli animali in casa e lontano dalla cenere –  spiegano – . Se gli occhi entrano in contatto con la cenere è importante lavarli subito per evitare infezioni». Anche la «Metro Manila Development Authority», un’organizzazione no profit che addestra i cani per operare durante emergenze come i terremoti, sta cercando volontari che possano aiutare gli animali delle Filippine: «Ci servono persone che li trasportino nei rifugi a Batangas o nelle province più vicine». Questo progetto è stato messo in campo insieme allo «Strategic Power for Animal Respondents», una piattaforma online che dà informazioni utili sugli animali. Secondo questa piattaforma i volontari che si sono uniti in questi giorni per aiutare gli animali in difficoltà sarebbero molti anche se mancano ancora i veicoli per il trasporto. Il vulcano Taal non è molto grande, ma ci sono tante persone e animali che vivono in questa zona, ed è questo a rendere il suo risveglio ancora più pericoloso.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
14/01/2020 14:48:25


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Parigi, paura per il rumore di un’esplosione >>>

La Francia dice basta agli animali selvatici nei circhi >>>

Gli americani rischiano di restare senza luce, acqua e gas >>>

Condannata a morte la maestra che avvelenò 25 alunni in Cina >>>

Il virus corre in Europa, allarme Spagna e Francia >>>

Germania, causa cinque incidenti in mezzora: muore un ciclista, quattro feriti >>>

Ex manager dello staff di Trump minaccia il suicidio >>>

Coronavirus, la proposta di due Nobel francesi: lockdown a dicembre per salvare il Natale >>>

Lampi di guerra tra Azerbaigian e Armenia in Nagorno Karabakh >>>

Aereo militare precipita in Ucraina, 26 morti >>>