Sport Mondiale Calcio (Mondiale)

Coronavirus: Ozil rifiuta il taglio dello stipendio

Per il tedesco dell'Arsenal non vi è necessità

Print Friendly and PDF

Mesut Ozil non accetta la riduzione dello stipendio. Il campione di nazionalità tedesca è uno dei tre dell'Arsenal (degli altri due non è nota l'identità) che ha rifiutato di andare incontro alle richieste del club di ridursi il compenso del 12,5%, considerato lo stato di crisi generale dell'economia dovuta al coronavirus. Ozil, secondo il Daily Mail, ha deciso di non aderire all'accordo, in quanto si è detto "non convinto" della necessità di questa riduzione d'ingaggio, che nel suo caso vale 350mila sterline a settimana. Ozil "vuole prima esser sicuro del reale impatto finanziario della pandemia". Gli altri due giocatori restii a tagliarsi lo stipendio finora non sono usciti allo scoperto. Proprio ieri l'Arsenal ha annunciato "un accordo volontario con i giocatori, l'allenatore e il personale" per tagliare gli stipendi per un periodo di 12 mesi. 

Redazione
© Riproduzione riservata
21/04/2020 14:19:01


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Calcio (Mondiale)

Il 17 giugno di 50 anni fa l'indimenticabile 4-3 dell'Italia sulla Germania >>>

Complicazioni da Covid-19, morto il messicano Padilla >>>

Messi: “Il calcio del dopo virus non sarà mai più come prima” >>>

Calcio: è ufficiale, l'Inter cede Mauro Icardi al Psg >>>

Caso Lautaro, l’Inter e il pressing del Barcellona >>>

Qualificazioni Euro 2022: la Nazionale femminile in campo a settembre >>>

Morto a 21 anni Bouasse Perfection, ex giocatore della Primavera della Roma >>>

Il premier della Spagna: "La Liga riprenderà l'8 giugno" >>>

Caso Icardi: l’Inter aspetta l’offerta giusta da Parigi >>>

Coronavirus: ispettori della Premier League spiano la ripresa degli allenamenti >>>