Notizie Locali Politica

Elezioni Regionali in Toscana: due punti separano Ceccardi e Giani nei sondaggi

Il candidato della sinistra è dato al 44%, mentre quello del centrodestra lo insegue al 42%

Print Friendly and PDF

C’è un sondaggio che preoccupa (non poco) il centrosinistra toscano: Eugenio Giani (Pd) è in testa ma il distacco che lo separa da Susanna Ceccardi (Lega) è di soli due punti percentuali. Lo ha realizzato a giugno Opimedia. Il candidato della sinistra è dato al 44%, mentre quello del centrodestra lo insegue al 42%. Due punti di distacco sono davvero pochi. Ma c’è un altro dettaglio importante di cui tenere conto. In base alla legge elettorale toscana se una coalizione raggiunge il 45% dei voti ottiene un premio di maggioranza, che ovviamente va a modificare l’attribuzione dei seggi in consiglio regionale.

Ricapitoliamo la situazione secondo quanto emerge dal sondaggio, che tiene conto anche degli altri candidati alla carica di presidente della Regione. Eugenio Giani (Pd, Sinistra, Verdi, Italia Viva, +Europa e altre forze di sinistra) è al 44%; Susanna Ceccardi (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lista Ceccardi) è al 42%; Irene Galletti (Movimento 5 Stelle) è al 7%; Tommaso Fattori (Toscana a sinistra) è al 3%, senza ottenere seggi. Per i partiti che corrono da soli, infatti, il tetto minimo è del 5%, mentre se si presentano in una coalizione (che deve ottenere almeno il 10%) è del 3%.Vediamo ora la situazione dei singoli partiti. In testa troviamo il Pd, con il 32% dei consensi. Al secondo posto c’è la Lega, con il 23% dei voti. Sul podio, al terzo posto, si piazza Fratelli d’Italia, con il 13%. A pari merito, con il 7%, troviamo il Movimento 5 Stelle e Italia Viva. Forza Italia è al 4%. Le altre liste: Toscana a sinistra 3%, Verdi 2%, Azione (Calenda) 2%, +Europa 1%, altre liste 6%. Interessante rilevare che un’eventuale lista Ceccardi viene collocata intorno al 3%.

Il numero di consiglieri regionali da eleggere in Toscana è 40. Dicevamo prima dell’importanza di raggiungere il 45% dei voti, perché in questo modo scatta il premio di maggioranza. Se non dovesse scattare la distribuzione dei seggi (in base al sondaggio) sarebbe questa: 23 seggi al centrosinistra (19 al Pd e 4 a Italia Viva), 15 al centrodestra (8 Lega, 5 FdI, 1 a Forza Italia), 2 al Movimento 5 Stelle.

Notizia tratta da Arno.it
© Riproduzione riservata
03/07/2020 19:10:08


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Il Pd in Umbria molto vicino al suicidio politico >>>

Anghiari verso le elezioni tra una ricandidatura di Polcri e il ritorno di Bianchi >>>

Elezioni regionali in Toscana: Giani in vantaggio sulla Ceccardi >>>

Elezioni regionali in Toscana: due valtiberini fra i candidati aretini della Lega >>>

Valchiria Do’ e’ il nuovo amministratore unico di “Farmacie Tifernati” >>>

Maria Elena Boschi pronta a tornare: per lei il posto della Azzolina? >>>

Collezione di macchine da cucire da guinness dei primati da valorizzare a Città di Castello >>>

Sansepolcro comincia a pensare al 2021: chi sarà il nuovo sindaco? >>>

Misure a sostegno della famiglia da parte del comune di Montone >>>

Città di Castello si incammina verso le prossime elezioni amministrative >>>