Notizie Locali Eventi

Sansepolcro, Palio della Balestra nel pomeriggio con 101 tiratori

I biturgensi cercano il riscatto nell'edizione a porte chiuse

Print Friendly and PDF

Nonostante la disputa a porte chiuse e la revisione delle scalette, sarà ugualmente un Palio della Balestra con tre cifre a livello di partecipanti, quello che oggi pomeriggio andrà in scena a Sansepolcro in una piazza Torre di Berta orfana di tribune e pubblico e che passerà alla storia per i distanziamenti e le mascherine. Da Gubbio, arriveranno 49 tiratori, mentre sul versante locale sono 52, per un totale di 101. Ma soprattutto il presidente Gianni Bergamaschi e gli altri tiratori vorrebbero che l’appuntamento con la storia e la tradizione nell’anno del Covid-19 si trasformasse anche in trionfo: Sansepolcro non rivince infatti in casa dal 2017 e non fa sua la sfida con Gubbio dal maggio del 2018, quando in entrambe le circostanze a firmare il successo era stato Gian Luca Baldi. Il primo a tentare di violare il corniolo sarà l’eugubino Giampiero Bicchielli, nuovo “re” fra i balestrieri in attività con i suoi sette successi, che gli hanno permesso di superare i biturgensi Dario Casini e Averardo Martinelli, i quali hanno comunque collezionato cinque successi a testa, che sono tanta roba. Per Martinelli, 77 anni, oggi ci sarà il meritato omaggio della piazza per i cento gettoni di presenza già “strappati” lo scorso 14 agosto in piazza Grande a Gubbio. E un altro veterano, il valido Franco Brugoni, seguirà Bicchielli sul banco di tiro, grazie al miglior piazzamento (secondo posto) ottenuto per Sansepolcro nel settembre del 2019. Poi, ordine affidato all’urna in base anche ai tre banchi posizionati per ciascuna città. La manifestazione prenderà il via alle 17 e conferma, nel suo rituale, lo scambio dei doni, la lettura dei bandi di sfida e la benedizione degli armati, affidata a don Giancarlo Rapaccini, parroco della cattedrale. C’è poi la novità dell’Offerta della Cera, atto primo delle rievocazioni di settembre in programma il 31 agosto, alla vigilia della giornata di Sant’Egidio: ebbene, quest’anno è stata “incorporata” all’interno del Palio per salvare comunque l’altro importante pezzo di ultrasecolare tradizione. L’inizio della tenzone è programmato per le 18.10, con la successiva esibizione degli sbandieratori di Sansepolcro nel momento in cui il corniolo verrà sottoposto all’estrazione delle verrette, dopodichè si andrà alla proclamazione del verdetto, con la consegna al vincitore del drappo realizzato dalle merlettaie biturgensi. Sarà questo l’ultimo atto che seguiranno anche le telecamere di Tevere Tv, impegnate nella diretta televisiva e in streaming. Niente sfilata finale, stavolta: il momento più atteso non si consumerà per i noti motivi, così come la cancellazione di molti eventi della rassegna rinascimentale non ha creato al Borgo l’atmosfera degli anni passati. Ma il Palio c’è, al contrario di quanto avvenuto altrove, per cui rimane pur sempre un privilegio.     

Nella foto: i maestri d'armi di Gubbio e di Sansepolcro, Rodolfo Radicchi e Viviano Zanchi, mostrano il corniolo al pubblico di piazza Torre di Berta al termine del Palio 2019 

Redazione
© Riproduzione riservata
13/09/2020 06:52:15


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Eventi

Inaugurato il nuovo defibrillatore davanti alla farmarcia di Santa Fiora a Sansepolcro >>>

Caprese Michelangelo, domani l'annullo filatelico e il Tappeto dei Ricordi >>>

La specialità con la castagna protagoniste nella gelateria di Palmiro Bruschi >>>

Street Art, il weekend a Sansepolcro è con Zed >>>

Arezzo in gara per conquistare lo "Smartphone d'Oro 2020" >>>

Battaglia di Anghiari: arte o mistero? Il punto con il direttore Gabriele Mazzi >>>

Giornate del Fai “L’autunno al borgo e all’abbazia di Badia Petroia” >>>

Le opere di quattro artisti tifernati impreziosiranno il Teatro comunale degli Illuminati >>>

Arezzo: al via le riprese per “Cambio di scena” >>>

Green Prix di Merate, brillano le stelle di Martino e Olivoni >>>