Notizie Locali Economia

Forte calo del 20,3% per l'industria aretina a causa del Covid-19

Le stime Irpet relative ai primi 9 mesi del 2020: per recuperare bisognerà attendere il 2027

Print Friendly and PDF

L'industria aretina ha accusato il più forte calo dal dopoguerra a oggi a causa del Covid-19: -20,3%, nel periodo gennaio-settembre, quello che va dalla normalità esistente finio all'inizio del lockdown al mese di settembre, che sembra segnare un minimo di ripresa. Questa la stima dell'Irpet: una recessione del genere non era avvenuta nemmeno dopo la grande crisi del 2008. La media regionale è del 17% e solo la provincia di Prato, con il 23%, sta peggio di quella di Arezzo: è la conferma che i settori manifatturieri - orafo e moda - sono quelli che hanno subito la botta peggiore. Per tornare ai livelli pre-Covid - questa la stima - occorrerà attendere il 2027. 

 

la nazione arezzo
© Riproduzione riservata
21/11/2020 06:49:44


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Finanziamento da 40 milioni di euro per la Italpreziosi >>>

I sindaci dell'Alto Tevere Umbro chiedono al Governo di tutelare il settore della tabacchicoltura >>>

Confartigianato: Allarme aumenti del 50% su bollette luce e gas per Aziende e Famiglie >>>

A Sansepolcro arriva Corona & Catena per vivere la bici a 360 gradi >>>

Il Consorzio Chianti chiede di anticipare lo sbarco sul mercato dell'annata 2021 >>>

Cna Fita Arezzo: pronti a scendere in piazza! >>>

Crisi Fimer: scatta l’allarme rosso per l’intera filiera produttiva >>>

Le grandi aziende dell'Umbria mantengono i fatturati nonostante la crisi >>>

Presentato il progetto di inserimento Slow Food di due prodotti della gastronomia altotiberina >>>

Alla Cooperativa “Ceramiche Noi” il premio “Non sprecare” dell’Università Luiss Guido Carli >>>