Notizie Nazionali Spettacolo

Caso Fedez, il direttore di Rai3 Di Mare: “Manipolazione dei fatti, nessuna censura”

Il rapper: “Mi fanno causa? Ho i mezzi per difendermi”

Print Friendly and PDF

«La Rai è stata crocifissa e condannata prima ancora che Fedez salisse sul palco. Possiamo rimediare? Mi auguro di sì, ma il danno è gigantesco. La Rai e Ilaria Capitani si aspettano delle scuse che non arriveranno mai, io temo». Il direttore di Rai3, Franco Di Mare, difende la tv pubblica in Commissione di Vigilanza dopo le polemiche per l'intervento del rapper al concerto del Primo Maggio, parlando di «una polemica basata sulla manipolazione dei fatti, che avrebbe dovuto dimostrare nelle intenzioni dell'autore l'esistenza di una censura che non c'è mai stata». Di Mare passa, dunque, al contrattacco, ma l'intervento non convince gran parte dei parlamentari, che contestano all'azienda di non aver portato gli atti alla Procura della Repubblica, nonostante le gravi accuse mosse al rapper. Dal Pd, Leu, Iv, Fi, ma anche dalla Lega e M5S, che attaccano però anche il rapper, arrivano accuse sulla gestione ritenuta quantomeno confusa della vicenda, mentre Fratelli d'Italia invoca le dimissioni immediate del direttore. Molte le voci critiche nei confronti di espressioni come «l'adeguarsi al sistema», seppur pronunciate da un autore esterno alla Rai nel corso della famosa telefonata a Fedez, e in difesa della libertà di espressione, pur ricordando nel caso di specie censura non c'è stata perché Fedez ha potuto alla fine dire quello che voleva. «Ho rilevato una gestione complessa e confusa dell'evento. C'è stato un produttore esterno alla Rai che ha parlato di “uniformarsi al sistema” e si è dovuto scusare l'ad Rai per questo. Tutto ciò mi rafforza nell'idea che le esternalizzazioni di eventi in diretta siano un rischio che il servizio pubblico non può correre», afferma il presidente della Vigilanza, Alberto Barachini, annunciando che sul tema proporrà un atto di indirizzo. Clima teso anche per le polemiche nate a seguito del servizio sull'incontro tra Matteo Renzi e un agente dei servizi segreti in autogrill andato in onda su Report. Polemiche sollevate, in particolare, dal parlamentare di Iv Davide Faraone, che definisce «irrispettoso» il fatto che il direttore di Rai3 non abbia fatto cenno all'episodio nel suo intervento. Anche Barachini chiede lumi sul caso, chiedendosi se «le immagini potessero essere usate, sebbene non rappresentassero reato».

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
06/05/2021 05:42:54


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Spettacolo

David di Donatello 2021: trionfa “Volevo nascondermi” >>>

Caso Fedez, il direttore di Rai3 Di Mare: “Manipolazione dei fatti, nessuna censura” >>>

Mostra del Cinema di Venezia, a Roberto Benigni il Leone d'oro alla carriera >>>

Sanremo 2021: il premio arriverà su un carrello, niente abbracci per i vincitori >>>

Sanremo, la Rai: “Niente pubblico all'Ariston e stop agli eventi esterni” >>>

Franceschini dice no ai figuranti a Sanremo. Amadeus pronto a lasciare il Festival? >>>

Festival di Sanremo, il prefetto: no alla presenza del pubblico >>>

Venezia, Leone d’Oro a “Nomadland”. A Favino la Coppa Volpi come miglior attore >>>

Il ricordo di un grande del cinema italiano: Alberto Sordi >>>

E' Diodato il vincitore del 70esimo Festival di Sanremo >>>