Notizie Locali Attualità

Acli e Arci chiedono di tutelare sagre e feste paesane

Rappresentano irrinunciabili occasioni di aggregazione e di autofinanziamento

Print Friendly and PDF

Tutelare sagre e feste paesane significa tutelare la socialità e il decoro delle tante frazioni diffuse sul territorio comunale. A sostenerlo sono Acli e Arci di Arezzo che chiedono all’amministrazione di dimostrare la propria vicinanza al tessuto associativo che anima i piccoli centri abitati della periferia che già è stato fortemente provato dall’emergenza sanitaria e che trova nelle iniziative estive l’unica forma di autosostentamento delle attività. In quest’ottica, sagre e feste rappresentano irripetibili occasioni per mantenere unite le comunità, per valorizzare le tradizioni locali e per reperire le risorse necessarie anche per svolgere interventi di manutenzione o per apportare migliorie nelle diverse località, evitando così fenomeni di degrado e di isolamento.

La sensibilità di Acli e Arci verso il tema è particolarmente forte per la presenza capillare di decine di circoli sull’intero territorio provinciale che, per lunghi mesi, hanno dovuto chiudere e sospendere ogni loro attività, vivendo ingenti difficoltà economiche e privando i territori di fondamentali cellule per il mantenimento dei legami e per la promozione di attività sociali, aggregative, solidali e culturali. L’arrivo dell’estate e l’alleggerimento delle misure per la prevenzione del contagio da Covid19 potrebbero permettere una lenta ripartenza per l’aggregazione e la socializzazione, dunque l’invito rivolto all’amministrazione è a favorire l’organizzazione e la promozione di mini-eventi da cui, ora come non mai, dipende la stessa sopravvivenza di circoli e associazioni. «Ci opponiamo alla richiesta di stop indiscriminato a sagre e feste paesane - commentano Luigi Scatizzi e Federica Ettori, presidenti provinciali di Acli e Arci, - perché anche i circoli e le associazioni hanno subito un duro colpo dall’emergenza sanitaria e devono ora essere messi in condizioni di ripartire. L’organizzazione di eventi è già penalizzata dalle normative anti-Covid, ma sarebbe un errore sottovalutarne la vitale importanza per la socialità e il decoro di molte località. I circoli e le altre strutture locali sono, infatti, animati dalla passione e dall’impegno di volontari per tenere in vita questi presidi del territorio e questi baluardi dell’aggregazione, dunque è fondamentale che l’amministrazione dimostri sensibilità e attenzione verso di loro. In sintesi, ci sembra doveroso attendere una presa una posizione in favore di queste strutture per metterle in condizione di svolgere tutte le attività previste dalle normative nel rispetto delle regole vigenti».

Redazione
© Riproduzione riservata
07/06/2021 12:20:53


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Giovani in cattedra alla Bufalini per insegnare agli anziani >>>

“La Verna diventerà il centro dei Cammini Italiani” >>>

Vertice sulla sicurezza pubblica nel Casentino >>>

Focus sulla sicurezza pubblica nella Valdichiana >>>

Al via oggi le immatricolazioni all'Università di Siena >>>

Badia Tedalda: una pala eolica di grandi dimensioni sarà installata in cima al Poggio dei Prati >>>

Al mare con Baschetti tutti i weekend di luglio e agosto, dal venerdì al lunedì >>>

Omelia alle esequie di Gianmaria Ciampelli del vescovo di Città di Castello Domenico Cancian >>>

Emergenza sangue all'ospedale di Perugia >>>

Vinti 122mila euro a Pierantonio di Umbertide >>>