Notizie Nazionali Sanità

Una delizia con proprietà positive: ma ecco perché la nocciola scatena gravi reazioni allergiche

E' la seconda frutta secca, dopo l'arachide, che causa reazioni severe soprattutto nei bambin

Print Friendly and PDF

Il suo è uno dei sapori più amati in tutto il mondo: la nocciola, sia fresca che tostata o usata in creme, Nutella e altri dolci è una delle materie prime alimentari più apprezzate. E ha diverse proprietà benefiche: sono ricche di acidi grassi, di Omega 6 e Omega 3, sono indicate nelle diete per contrastare l'eccesso di colesterolo e glicemia, grazie alla presenza di acido oleico che riduce entrambi. Ma bisogna prestare attenzione al loro potenziale allergico, in particolare nei bambini, dove la reazione scatenata da questa frutta secca può essere particolarmente grave. Secondo il Registro Europeo dell'anafilassi, che raccoglie i dati di bambini e adolescenti di dieci Paesi europei, inclusa l'Italia, la nocciola è il secondo alimento - dopo l'arachide - causa di reazioni allergiche severe nei bambini in età scolare, il terzo nei bambini in età prescolare. Colpa della oleosina, una proteina allergenica che un gruppo di studiosi torinesi ha isolato, rendendo più facile diagnosticare l'allergia. 

I nuovi dati a disposizione

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica internazionale Pediatric Allergy and Immunology, giornale ufficiale dell'Accademia Europea di Allergia e Immunologia Clinica. A condurlo è stata la dottoressa Giovanna Monti, del servizio di Allergologia pediatrica della Pediatria diretta dal dottor Marco Spada e afferente al Dipartimento di Patologia e Cura del Bambino dell'ospedale infantile Regina Margherita della Città della Salute di Torino, diretto dalla professoressa Franca Fagioli. È stato realizzato con il sostegno della Fondazione Crt, in collaborazione con i ricercatori dell'Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari del Cnr di Torino, coordinati dalla dottoressa Laura Cavallarin e condotti dalla dottoressa Maria Gabriella Giuffrida.

Perché è importante prestare attenzione

L'isolamento della proteina allergenica, depositata nell'apposita banca degli allergeni dell'Organizzazione mondiale della sanità, è stato possibile anche grazie all'analisi del genoma del nocciolo, condotta dai genetisti e dai biotecnologi vegetali del Dipartimento di Scienze Agrarie Forestali e Alimentari dell'Università di Torino e dell'Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante del Cnr. In Italia, che ne è il secondo produttore mondiale dopo la Turchia, la nocciola è il frutto a guscio più utilizzato nelle creme spalmabili di cioccolato, nelle merendine, nei dolciumi o nei gelati, nelle torte, nei biscotti, nei cereali per colazione, oltre ad essere spesso consumata come tale. Presente nelle abitudini dietetiche dei bambini, secondo quanto riportato dallo studio EuroPrevall, è l'alimento che più causa reazioni allergiche nella popolazione studiata, circa 890mila persone sul totale di 446 milioni di abitanti dell'Europa, tra cui circa 20mila bambini e adolescenti solo in Italia. Le reazioni allergiche possono essere di diversa entità: da quelle lievi, come prurito o bruciore orale alla sua ingestione, a quelle più severe. E proprio nel bambino possono arrivare a mettere a rischio la vita.

Notizia e Foto tratte da Tiscali
© Riproduzione riservata
12/07/2021 05:49:28


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Sanità

In arrivo il quinto vaccino anti Covid-19 >>>

Dopo il vaccino si può prendere il sole? >>>

Covid, 60% degli italiani ha completato ciclo vaccinale >>>

Una delizia con proprietà positive: ma ecco perché la nocciola scatena gravi reazioni allergiche >>>

La verità sulla variante Delta: "Cosa sta succedendo davvero in Italia" >>>

Green Pass, Draghi firma decreto: valido dal 1° luglio in tutta l'Ue >>>

Il 28 maggio via libera dell'Ema al vaccino Pfizer per la fascia 12-15 anni >>>

Iss: allo studio un vaccino di lunga durata contro il Covid >>>

AstraZeneca e J&J sono due vaccini con adenovirus, di cosa si tratta? >>>

AstraZeneca, via libera dell'Ema al vaccino. Si riprende da oggi >>>