Notizie Nazionali Economia

In arrivo in settimana il ddl concorrenza

Novità per farmaci, rifiuti e colonnine di ricarica auto “green”

Print Friendly and PDF

Energia, porti, rifiuti e anche sanità: si preannuncia ad ampio spettro il disegno di legge sulla concorrenza che il governo Draghi dovrebbe approvare in settimana in Consiglio dei ministri, in tempo per rispettare la scadenza concordata con Bruxelles nell'ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). La riforma della concorrenza fa parte, insieme alle semplificazioni, di quel pacchetto di riforme "abilitanti" per migliorare il contesto dell'attività economica e premere sulla ripartenza dell'economia. E, dopo avere approvato una sola legge nel 2015 (e chiusa nel 2017), l'Italia si impegna ora ad approvarne una ogni anno, con un programma dettagliato di interventi.

Il testo è ancora in via di definizione e ha tratto diversi spunti dell'Antitrust che a fine marzo aveva colto l'invito del presidente del Consiglio, Mario Draghi, e indicato in un documento tutti i punti su cui era più urgente intervenire. Non tutti i temi saranno affrontati subito ma un primo indice sarebbe stato composto e fonti di governo assicurano che su diversi capitoli già si sono raggiunte delle intese di massima: il menù dovrebbe prevedere gare per le concessione delle aree demaniali portuali, misure sulle concessioni per la distribuzione del gas naturale ma anche, in materia di energia, un intervento per la liberalizzazione della vendita di energia elettrica che sia accompagnato, però, dalla tutela dei clienti vulnerabili.

Tra i capitoli che saranno affrontati anche l'accelerazione per l'impianto di colonnine di ricarica per le auto “green”. Un'altra voce di peso riguarderà le procedure per le autorizzazioni per gli impianti di smaltimento dei rifiuti che avranno “tempi certi”, che stando a indiscrezioni non dovrebbero superare i 15 giorni. Ampio spazio sarà dato anche al comparto dei farmaci, affrontando il tema della distribuzione, ma si dovrebbe rimettere mano anche alla disciplina dei farmaci bio-similari e alla rimborsabilità degli equivalenti. Novità dovrebbero arrivare anche per i criteri di scelta della dirigenza medica, come le commissioni esaminatrici che saranno extra-Regione.

Questo primo disegno di legge sulla concorrenza non dovrebbe affrontare la questione del trasporto pubblico locale, mentre sul fronte degli altri servizi pubblici locali dovrebbe arrivare una delega per il riordino attraverso un decreto attuativo da emanare entro sei mesi dall'ok alla legge, che potrebbe prevedere l'adozione di un testo unico. 

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
26/07/2021 05:44:39


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Smart working, Brunetta: “Tra un mese il contratto per il lavoro da remoto nella Pa” >>>

Massimo Moratti dona 1,5 milioni ai lavoratori dell’azienda di famiglia in cassa integrazione >>>

Cingolani: “Riscriviamo il metodo di calcolo delle bollette. Mitigheremo l’aumento” >>>

Smart working, pronta la bozza sul lavoro agile nella pubblica amministrazione >>>

Bollette, in Cdm un decreto per lo stop agli oneri di sistema contro gli aumenti >>>

“Taglio del cuneo fiscale e riforma dell’Irpef”: il piano di Franco per ridurre le tasse >>>

Cernobbio, Lamorgese: “Green Pass fondamentale per far ripartire in sicurezza il Paese e le imprese” >>>

Al forum Ambrosetti, Colao: “Fibra e 5g ovunque entro il 2026” >>>

Coronavirus, 140 milioni per sostenere discoteche, piscine e palestre rimaste chiuse >>>

Lavoro, al Mise un autunno di fuoco: 87 i tavoli di crisi ancora aperti >>>