Notizie Locali Sanità

Confermata la certificazione ISO 9001:2015 della rete Poct della Asl Toscana sud est

Questo permette di eseguire i test nel modo più comodo e immediato

Print Friendly and PDF

La rete Poct dell’Asl Toscana sud est conferma la certificazione di qualità ISO 9001:2015. I dispositivi che la compongono sono strumenti che consentono l'esecuzione di analisi cliniche in prossimità del paziente. Questo permette di eseguire i test nel modo più comodo e immediato, in modo che il cittadino, ma anche il medico e il team assistenziale, ricevano i risultati il più rapidamente possibile. Ciò permette al clinico di prendere in tempi brevi decisioni diagnostiche e terapeutiche importanti, contribuendo a migliorare la cura del paziente. Inoltre l'utilizzo di queste tecnologie permette di monitorare le situazioni più critiche già dall'intervento del sanitario del 118 sul territorio fino all'arrivo al Pronto soccorso e ai reparti ad alta intensità di cura.

L’audit dell’ente certificatore Kiwa si è svolto nei giorni 24, 25 e 26 gennaio e ha verificato la conformità del Sistema di gestione qualità adottato ai requisiti della norma, nell'ottica del rinnovo.

La rete Poct dell’Asl Toscana sud est è composta di 18 sedi operative distribuite sui territori delle province di Arezzo, Siena e Grosseto. I laboratori di analisi di ogni area hanno la governance di tutto il processo; questo garantisce un’unica gestione di tutte le strumentazioni in Poct attraverso una connessione informatica e di conseguenza maggiore tracciabilità e sicurezza del dato.

Durante l’audit effettuato dall’ente certificatore sono state verificate sei (postazioni Poct:

Ospedale di Arezzo:

- Pneumologia ospedaliera

- Preospedalizzazione

- 118 emergenza territoriale

 

Ospedale di Nottola:

- Poliambulatori

- Servizio immunotrasfusionale

 

Ospedale di Grosseto:

- Elisoccorso

 

“Il punto di forza di questa organizzazione, - dice la responsabile della rete Poct Asl Toscana sud est Marilena Fantacci, - è la multiprofessionalità del team costituito sia da personale di laboratorio (tecnici, medici, biologi) sia dai medici e infermieri utilizzatori dei servizi dove sono state installate le tecnologie. Tutto il personale coinvolto ha competenza e interesse alla costituzione di un modello organizzativo che metta al centro il paziente garantendogli un servizio sicuro e di qualità.

Il futuro è ormai vicino e con il Pnrrr e il Dm 77 ci troverà pronti ad affrontare con la nostra organizzazione questa nuova sfida della sanità pubblica”.

Redazione
© Riproduzione riservata
01/02/2023 09:33:42


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Sanità

Alto Tevere, novità sull’ordinanza contro le zanzare >>>

Calcit, donate nuove poltroncine per il Centro Oncologico di Arezzo >>>

Bruno: 45 anni di dialisi, unico caso in Italia >>>

Giornata Mondiale contro l’epilessia, una malattia che può essere curata >>>

Arriva la Telemetria per la vasca travaglio dell’Ospedale San Donato >>>

Vaiolo delle scimmie: Regione Toscana al lavoro sulla prevenzione >>>

Un ventilatore di alta gamma per la Terapia Intensiva del San Donato di Arezzo >>>

Cancro del Polmone: sensibilizzare la cittadinanza sulla prevenzione della malattia >>>

Il dottor Marco Rossi nominato nell'Associazione Italiana di Gastroenterologia Ospedaliera >>>

Dal primo febbraio il Punto Prelievi di Umbertide sarà posizionato dentro il Centro di Salute >>>