Sport Locale Ciclismo (Locale)

Tanti umbri alla 36esima edizione della Maratona dles Dolomites

La granfondo ciclistica tra le più belle a livello mondiale

Print Friendly and PDF

Ci saranno anche 160 umbri, 74 della provincia di Perugia e 86 di quella di Terni, tra gli ottomila ciclisti che alle 6,30 di domenica 2 luglio prenderanno il via da La Villa, in Alta Badia, per la 36esima edizione della Maratona dles Dolomites, la granfondo ciclistica tra le più belle a livello mondiale, articolata sui classici tre percorsi, il Sellaronda di 55 km e 1780 metri di dislivello, il Medio di 106 km e 3130 di dislivello ed il percorso Maratona di 138 km e ben 4230 metri di dislivello su strade rigorosamente chiuse al traffico veicolare: 75 saranno le nazioni rappresentate, con gli ottomila partecipanti, sorteggiati tra le 27.000 richieste di partecipazione giunte agli organizzatori, suddivisi equamente tra italiani e stranieri. I tre percorsi toccheranno i passi dolomitici che sono stati, e lo sono tuttora, teatro di sfide epiche nel ciclismo di tutti i tempi; Campolongo, Pordoi, Sella, Gardena, Giau, Falzarego, Valparola, un magnifico su e giù immersi nel silenzio e lo splendore di un ambiente unico al mondo quali sono le Dolomiti patrimonio mondiale Unesco, attraversando cinque valli ladine, Badia, Fodom, Fassa, Gardena e Ampezzo. Tra gli umbri in corsa con il dorsale 56 l’ex calciatore Fabrizio Ravanelli, più volte protagonista alla Maratona, e con lui altri nostri ciclisti di spicco come Emanuele Marianeschi che gareggerà con il dorsale118, e tra le donne Silvia Poggesi, esperta granfondista con ottimi risultati alle spalle: per lei dorsale 519. Con i colori del Team Matè sarà al via anche Fabio Panciarola, il papà di Giorgia, la giovane ragazza deceduta in un incidente d’auto due anni fa a San Feliciano, organizzatore della Giorgissima, gara podistica in ricordo della figlia che si è corsa a San Feliciano lo scorso 4 giugno. Ogni anno la Maratona è associata ad un tema preciso e quello di questa edizione è UMANITE’, Umanità, inteso nel duplice senso di uomini e umanitari, una parola dai significati importanti su cui riflettere, e la Maratona è anche questo, un momento di riflessione guardando al mondo di oggi ma pensando anche al domani. Poi la Maratona rivolge sempre uno sguardo a chi ha bisogno, e in questa edizione i principali progetti di beneficenza principali sono due: Dynamo Camp, che sostiene il progetto di arrampicata e percorsi avventura per bambini affetti da patologie gravi o croniche, e il progetto di formazione e recupero per bambini e giovani in 4 angoli del mondo, curato dall'Associazione Gruppi "Insieme si può" Onlus. Le Dolomiti sono il terreno ideale per vivere nel modo migliore lo sport delle due ruote, pedalare sui passi dolomitici è come ripercorrere l’epica del ciclismo stesso, e anche per i nostri rappresentanti sarà una emozione da vivere intensamente nonostante la fatica ripagata però da un ambiente di incomparabile bellezza che va sempre più rispettato, tutelato, salvaguardato perché appartiene a tutti, e anche se si tratta sempre di una competizione, una volta tanto meglio lasciare stare il cronometro e vivere da protagonisti questa giornata di sport sfidando le Dolomiti sapendo di essere parte attiva di un evento di risonanza mondiale, che sa donare emozioni come pochi altri, poi se viene anche un buon risultato tanto meglio.  

Redazione
© Riproduzione riservata
29/06/2023 10:21:51


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Ciclismo (Locale)

Campionato italiano ciclocross Vigili del Fuoco di Arezzo >>>

Cicloturismo, aperte le iscrizioni per la IV Medio Fondo del Quasar >>>

Gli atleti della Cicli Errepi di Pieve Santo Stefano protagonisti alla Mediterranea Epic >>>

Grande impresa per Massimiliano Falleri, atleta del Team Bikeland >>>

Il bibbienese Marco Mazzi vince il campionato italiano MTB enduro della FCI >>>

La Statica, prima edizione della ciclostorica “a chilometro zero” >>>

La Chianina Ciclostorica avvia il percorso verso la decima edizione >>>

Pedalare all’insegna della sostenibilità nella ciclostorica più famosa al mondo >>>

Panariello il più forte a Bettona >>>

Torna a Sansepolcro la Granfondo Le Strade del Rinascimento >>>