Salute & Benessere Malattie

Focus su psoriasi e dermatite seborroica. Quali sono le differenze?

Si tratta di due manifestazioni della pelle molto simili

Print Friendly and PDF

i tratta di due manifestazioni della pelle molto simili per certi aspetti ma che hanno anche profonde differenze. Spesso confuse tra di loro c'è da ricordare che nessuna delle due è contagiosa. Scopriamole meglio nel dettaglio.

La dermatite seborroica

Le caratteristiche

La dermatite seborroica è una condizione infiammatoria e squamosa che colpisce in particolare il viso e il cuoio capelluto.

Sul viso si localizza principalmente sulle zone adipose (ricche di ghiandole sebacee), ai lati del naso, sulle pieghe dei lati del naso, nella zona tra le sopracciglia e le sopracciglia. Il cuoio capelluto è una zona di predilezione e la patologia si manifesta con una forfora infiammatoria che deborda dal cuoio capelluto. Altre zone pelose possono essere colpite, come il pube e negli uomini la barba o lo sterno.

Sul cuoio capelluto, le squame si presentano giallastre e oleose, con poca o nessuna adesione al cuoio capelluto ed è possibile l'estensione che va oltre il limite di impianto dei capelli.

La dermatite seborroica si sviluppa con fasi intervallate da periodi di completa o relativa quiescenza. Le stagioni,soprattutto autunno e primavera, lo stress e particolari condizioni climatiche possono riattivare lo stato infiammatorio. L'aumento invernale delle manifestazioni cliniche è comune. I sintomi sono variabili, ma spesso c'è prurito o sensazione di bruciore.

È una patologia frequente negli adulti (colpisce il 3% della popolazione),in particolare i giovani adulti, ma che colpisce molto frequentemente anche i neonati (71% di essi) temporaneamente. La "crosta lattea" infantile è una delle manifestazioni della dermatite seborroica.

Le cause

Se determinate condizioni specifiche favoriscono un'insorgenza improvvisa della dermatite seborroica, è più spesso in un giovane adulto sano che compaiono i sintomi.

Entrano in gioco diversi fattori:

  • La quantità di sebo;
  • Lieviti (funghi) del genere Malassezia presenti sulla pelle degli individui (flora saprofita);
  • La risposta immunitaria della persona colpita ai lieviti che irritano e infiammano la pelle.

La natura cronica e ricorrente della dermatite seborroica, che scatena arrossamenti sul viso, accompagnati o meno da squame e/o forfora, è una delle principali fonti di disagio per chi ne è affetto sia a livello sociale sia funzionale per le sue manifestazioni (prurito, sensazioni di bruciore, ecc.).

Le cure mediche

In alcuni casi particolari, il medico cercherà la causa responsabile della comparsa della dermatite seborroica. Nella stragrande maggioranza dei casi, il trattamento da parte del medico consisterà nel prescrivere trattamenti adeguati, che nella maggior parte dei casi sono antimicotici. La persona con dermatite seborroica dovrebbe utilizzare prodotti non irritanti e comprenderne la natura cronica e recidiva, accettando quindi la necessità del trattamento di mantenimento.

Gli antimicotici utilizzati si presentano sotto forma di shampoo e creme per il viso. In alcuni casi viene utilizzato anche il litio in forma di gel. Meglio evitare sul viso i prodotti contenenti cortisone che danno un rapido sollievo ma accentuano la sensibilità della pelle e hanno un effetto negativo a medio termine.

Psoriasi

Le caratterisitche

La psoriasi del cuoio capelluto è una malattia cronica della pelle, non contagiosa, che colpisce dal 2 al 3% della popolazione. Può comparire a qualsiasi età. Specifici fattori scatenanti possono rivelare un terreno geneticamente predisposto e promuovere la comparsa di lesioni.

Le placche di psoriasi sono rosse (eritematose) e ricoperte da spesse squame biancastre e sono molto ben limitate rispetto alla pelle sana.

Le zone più comunemente colpite sono i gomiti e le ginocchia (zone soggette a microtraumi) ma può essere interessata qualsiasi parte della cute e la zona preferita è il cuoio capelluto (in particolare la zona occipitale). Quando la psoriasi colpisce le pieghe (inguine, ascelle, ecc.), si parla di psoriasi inversa, che è molto meno squamosa. Anche le unghie sono talvolta colpite in modi diversi (ispessimenti, distrofie, deformazioni).
A volte, la psoriasi si manifesta sulla pelle con piccolissime placche o pustole con le sembianze di "goccioline", su uno sfondo di eritema (arrossamento).

Prurito o anche sensazioni di bruciore nelle pieghe della pelle possono essere associate alle lesioni. L'impatto della psoriasi sulla qualità della vita può essere importante, soprattutto se è diffusa o presente in zone particolarmente problematiche o visibili.

Oltre al coinvolgimento cutaneo, è possibile il coinvolgimento reumatologico che colpisce circa il 25% delle persone con interessamento cutaneo. Questa artrite psoriasica può essere assiale e coinvolgere la colonna vertebrale, o periferica e compromettere in particolare le articolazioni delle falangi.

La psoriasi del cuoio capelluto colpisce sia uomini che donne e può manifestarsi a qualsiasi età. Tuttavia, inizia prima dei 20 anni in un terzo dei casi e compare frequentemente tra i 20 e i 40 anni.

Le cause

Il coinvolgimento familiare si riscontra nel 30-40% dei casi. La trasmissione avviene tramite più geni (trasmissione multigenica) e quindi non è sistematica.

A livello della pelle, l'accelerazione del rinnovamento dell'epidermide è responsabile della comparsa delle placche. Su questo terreno predisponente sono evidenti alcuni fattori scatenanti:

  • Variazioni climatiche e periodi particolarmente freddi
  • Fattori infettivi e rinofaringei
  • Stress psicologici
  • Traumi locali, ustioni, attriti e graffi
  • Alcuni farmaci come antimalarici, farmaci per l'ipertensione, sali di litio, alcuni colliri specifici, ecc.

Alcune patologie o abitudini tossiche, sebbene non sistematiche, si riscontrano più spesso nei pazienti psoriasici: sindrome metabolica (diversi segni, tra cui sovrappeso, iperlipidemia, iperglicemia o ipertensione arteriosa), consumo eccessivo di alcol, fumo.

Le cure mediche

Il medico valuterà innanzitutto l'entità della psoriasi, il suo impatto, l'esistenza o meno di una sindrome metabolica e il consumo eccessivo di alcol o fumo.

La psoriasi resistente alla terapia è rara, perché i trattamenti sono molteplici e adattati alle diverse forme. Fortunatamente, tuttavia, la maggior parte della psoriasi è di entità da lieve a moderata e non richiede un trattamento "pesante". In questo senso, i trattamenti locali sono il più delle volte sufficienti, ma devono essere applicati regolarmente a questa patologia cronica. Se infatti i trattamenti vengono interrotti, le lesioni ricompaiono.

I trattamenti locali includono corticosteroidi e derivati ​​della vitamina D. L'idratazione quotidiana della pelle con creme è essenziale per limitare le recidive perché la pelle secca le facilita. Sul cuoio capelluto, le squame possono beneficiare di un trattamento cheratolitico (acido salicilico, urea).

In caso di psoriasi è necessario evitare anche gli sbalzi di temperatura e il freddo.

Entrambe le patologie migliorano con il sole ei bagni di mare in genere. Anche se dermatite seborroica e psoriasi sono difficili da curare in modo definitivo è importante capire chiaramente che cure intraprendere per ottenere remissioni prolungate e migliorare notevolmente la qualità della vita dei pazienti.

Notizia tratta da ilgiornale.it
© Riproduzione riservata
07/07/2023 22:08:40


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Malattie

Disfunzione erettile e over: che cos’è e come affrontarla >>>

Infarto intestinale: le cause, i sintomi e il trattamento >>>

Colesterolo alto a 60 anni: quali cibi mangiare >>>

E’ in arrivo una nuova influenza, sarà la peggiore degli ultimi vent'anni >>>

Svolta storica nella lotta al tumore al seno, scoperto come spegnere le metastasi >>>

Ictus e ischemia cerebrale: quali differenze? >>>

Mal di schiena: perché gli esperti consigliano di muoversi >>>

Nomofobia, quando l’uso dello smartphone diventa patologico >>>

I 12 alimenti peggiori per diabetici >>>

Sclerosi multipla e malattia di Parkinson: sintomi e cure >>>