Notizie Locali Altre notizie

Appello di Avis Toscana ai parlamentari regionali: "Troppa burocrazia, così non ce la facciamo"

Nel 2023 le donazioni avisine di sangue e plasma sono state infatti 105.855

Print Friendly and PDF

“Il Parlamento sta apportando delle semplificazioni al Codice Terzo Settore, recependo alcune delle istanze portate dall’associazionismo. Tuttavia questo non basta. Non si può equiparare una sede con pochi soci e pochi euro di bilancio che va avanti solo con i volontari, con sedi più strutturate con dipendenti e con bilanci da centinaia di migliaia di euro. Per questo vogliamo lanciare un chiaro appello a tutti i parlamentari toscani e a tutte le forze politiche che rappresentano, perché promuovano uno sforzo in più per una vera semplificazione. Occorre meno burocrazia, bisogna semplificare ulteriormente il registro unico del Terzo settore (Runts). Bene comunque la trasparenza, è giusto che si rendiconti”.

 

A dirlo, rivolgendo un appello ai parlamentari della nostra regione, la presidente di Avis Toscana Claudia Firenze in occasione della 53esima Assemblea regionale dell’associazione volontari del sangue, dal titolo “La scelta che unisce”, che si è tenuta al Centro d’arte contemporanea Pecci di Prato.

 

L’afflato politico che sottintendeva la riforma del Terzo settore si è perso per strada, è rimasto l’approccio burocratico degli uffici del ministero e delle regioni che hanno costretto a cambiamenti statutari, che sono andati ad incidere nella democrazia interna dell’associazione – dice la presidente di Avis Toscana -. Le norme ci dicono cosa dobbiamo fare e questo è sacrosanto, ma qualora volessero dirci anche come dobbiamo essere questo semplicemente non lo possiamo accettare”.

 

La piattaforma Runts non ha aiutato, lo avevamo chiesto a gran voce ma non siamo stati ascoltati: non si capisce, infatti, perché ci deve essere la firma digitale del presidente per operare sul registro unico quando c’è già lo Spid del presidente, ossia l’identità digitale del legale rappresentante e la pec della sede - sottolinea Claudia Firenze -. L’informatica e la digitalizzazione devono essere un aiuto e non un aggravio. Le difficoltà dopo tre anni non sono state ancora metabolizzate dai rappresentanti di tutte le nostre sedi. E’ giusto che ci sia un registro unico e che si rendiconti, ma il modello di bilancio non è perfettamente calato sulla nostra realtà. Altro esempio: le sedi accreditate per il 5x1000 se non barrano sul Runts la casella del 5x1000 e inseriscono l’Iban, i soldi non li riceveranno”.

Un altro tema toccato in assemblea è quello del mondo del lavoro. Da una nostra ricerca sulle motivazioni per cui si smette più frequentemente di donare, emerge la difficoltà ad assentarsi dal lavoro. Rinnoviamo l’appello alla Regione Toscana perché promuova un incontro con associazioni datoriali e sindacali così da valorizzare le buone pratiche e pensare soluzioni di sistema. Abbiamo deciso di dare un riconoscimento simbolico alle aziende Estra e Centria che a Prato hanno promosso la donazione tra i loro dipendenti” aggiunge Claudia Firenze.

“Risale al 2022 la prima volta che Centria e Estra hanno avviato un percorso di avvicinamento dei propri dipendenti alla donazione del sangue, permettendo che venisse fatta in orario di lavoro - dichiara Riccardo Matteini, amministratore delegato di Centria e dirigente Estra dell’area distribuzione -. La donazione è un gesto gratuito di vera solidarietà e generosità. E’ un’esperienza che richiama l’essenza del valore civico ed etico, che risiede dentro tutti noi: è l’occasione per condividere tra colleghi sentimenti e valori comuni, che contribuiscono al senso di squadra, così prezioso e ricercato all’interno delle organizzazioni. Le numerose adesioni del personale hanno dimostrato che a volte è sufficiente una piccola scintilla per passare dal pensare di donare al farlo realmente. Un sentito grazie va all’Avis e in generale a tutte le associazioni impegnate su questo fronte, per quello che fanno ogni giorno”.

Aumentano i nuovi soci di Avis

In questo quadro crescono comunque le donazioni di Avis in Toscana. Nel 2023 le donazioni avisine di sangue e plasma sono state infatti 105.855 (+0,1% rispetto al 2022). Sono aumentati i nuovi soci (+3%), con un numero di donazioni medio di 1,91 per ciascuno. Avis rappresenta oltre il 51% delle donazioni totali in Toscana. I nuovi soci sono in maggioranza giovani: il 53% è under 35. E tra i giovanissimi (18-25) la maggioranza è donna. L’aumento delle donazioni di plasma è stato l’obiettivo principale del sistema sangue per il 2023 e Avis Toscana ha risposto con efficacia ottenendo un incremento del 6% della raccolta di plasma e del 15,5 % delle multicomponent. Incoraggianti anche i primi dati del 2024, con una crescita nel primo trimestre dell’1,7%.

Redazione
© Riproduzione riservata
20/04/2024 11:51:21


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Altre notizie

La bella storia di Leo, il cane cocker spaniel di Città di Castello cieco da oltre tre anni >>>

Anas: in Umbria sensori per il monitoraggio di ponti e viadotti >>>

Il foianese Pierfrancesco Vanni è Campione italiano di paracadutismo >>>

Torna l’appuntamento con la raccolta alimentare nei punti vendita Unicoop Firenze >>>

Festa dei Ceri a Gubbio: effettuati 40 interventi sanitari >>>

Bibbiena, collocata una panchina rossa contro la violenza di genere >>>

Alpe della Luna: leggenda, storia e la sua morfologia >>>

La caccia in Umbria aprirà domenica 15 settembre >>>

Aperitivo “rosa”. Sara e Catia le “regine” dell’aperitivo, del buon bere e buon magiare >>>

La vita è bella con l’energia dei giovani aretini. Sabato due scuole a Uno Mattina >>>