Notizie Nazionali Economia

Bankitalia: dal Superbonus benefici sul Pil inferiori ai costi. La misura ha anche "creato debito"

A fronte di una spesa di 170 miliardi non c'è stato il ritorno sperato

Print Friendly and PDF

Il Superbonus 110% non si è autofinanziato e nell'erogazione degli incentivi si conta uno spreco di ben 45 miliardi di euro. E' quanto certifica Bankitalia analizzando la misura simbolo del governo Conte 2, costata oltre 170 miliardi tra il 2021 e il 2023, ovvero circa 3 punti di Pil. Un quarto della spesa relativa agli investimenti sussidiati si attribuisce a interventi edilizi che, spiegano i ricercatori della Banca d'Italia in uno studio, si sarebbero realizzati comunquesenza alcun bisogno di incentivi pubblici. Questa "perdita secca" di 45 miliardi è ora certificata per la prima volta. E non è tutto, perché secondo Via Nazionale le misure non si sono autofinanziate: le entrate fiscali generate dai bonus sono state significativamente inferiori al loro costo, aumentando ulteriormente il debito pubblico che verrà rimborsato in futuro.

La crisi del settore edilizio e i bonus

Rileva Bankitalia che a fronte della crisi del settore edilizio a partire dagli anni 2010 per motivi strutturali e ciclici, con un aggravamento negli anni del Covid, i bonus edilizi come il bonus facciate (90% di detrazione fiscale) e anche il bonus 110 abbiano avuto un ruolo importante nel rilancio del settore. Ma l'altro lato della medaglia è l'elevato costo per le finanze pubbliche senza che siano state generate parimenti entrate fiscali sufficienti per coprire i costi. 

Il paper dei ricercatori della Banca d'Italia che prende in esame l'impatto economico dei due crediti di imposta, attivi a partire dalla seconda metà del 2020, insomma, non lascia dubbi. La ricerca confronta l'andamento della spesa per investimenti residenziali dell'Italia con quello di alcuni Paesi europei che non avevano adottato programmi simili e sottolinea come "il moltiplicatore fiscale" della misura "sia stato inferiore all'unità". Le due misure, ricordano i ricercatori dell'istituto centrale, hanno comportato una spesa di oltre 170 miliardi nel periodo 2021-23 (circa il 3 per cento del Pil in media d'anno). 

Notizia tratta da tiscali.it
© Riproduzione riservata
18/06/2024 17:35:07


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Decolla Ita-Lufthansa, via libera dell’Ue alle nozze ma ci sono condizioni su Linate e altre rotte >>>

Tasso di occupazione in leggero calo, -17mila occupati rispetto al mese di aprile >>>

Ferrero boom: ricavi alle stelle, nuove assunzioni, bonus e premi fedeltà ai dipendenti >>>

Bollette della luce, da luglio cambia il mercato. Ma attenti alle truffe: i consigli utili >>>

I musei del cibo in Italia, a spasso tra storia e sapori >>>

Bankitalia: dal Superbonus benefici sul Pil inferiori ai costi. La misura ha anche "creato debito" >>>

Prima intesa su Ita-Lufthansa, sì dell'Ue con condizioni >>>

A luglio l’assegno dei pensionati lievita: chi ne ha diritto e quanto aumenterà l'assegno >>>

Social card: a chi spettano i 500 euro, quando arrivano i soldi e cosa si può comprare >>>

Ferrero scatenata: dopo quella veg ecco la Nutella gelato >>>