Economia L'Esperto

Ecco la stangata dei Comuni

Più di 400 sindaci hanno aumentato l'Irpef grazie allo sblocco della leva fiscale

Print Friendly and PDF

La stangata è pronta. Con lo sblocco della leva fiscale voluto da questo governo, centinaia di Comuni sono pronti per lo "scippo" aumentando al massimo l'Irpef.

Almeno 469 municipi su 526 che potevano aumentare l0imposta ganno comunicato al Mef il rincaro. Di fatto porteranno l'aliquota al massimo grazie proprio alle nuove direttive arrivate dal governo con la legge di Bilancio. Tanti sindaci si sono allineati ad altri colleghi che di fatto già prima del 2019 avevano aumentato l'aliquota. Si tratta di 17 Comuni in Abruzzo, 6 in Basilicata, 27 in Calabria, 43 in Campania, 30 in Emilia Romagna, 10 in Friuli Venezia Giulia, 32 nel Lazio, 10 in Liguria, 106 in Lombardia, 9 in Le Marche, 4 in Molise, 70 in Piemonte, 20 in Puglia, 3 in Sardegna, 20 in Sicilia, 13 in Toscana, 3 in Trentino, 6 in Umbria, 40 in Veneto. Insomma una bella mazzata che porta a più di 3000 il numero dei Comuni che hanno l'aliquota massima dell'Irpef. Tra le città più grandi che hanno innalzato l'aliquota ricordiamo Barletta, Lecce, Mantova e Rimini.

Come ricorda il Corriere per il momento i Comuni hanno un margine scarso sull'Irpefe. Tesi sostenuta anche dalla Corte dei Conti: "Buona parte degli enti ha già utilizzato completamente la leva fiscale e per quanto riguarda le addizionali i margini si possono ritenere sostanzialmente limitati", scrivono i magistrati contabili. Ma dopo questi rincari di fatto milioni di italiani dovranno aprore il portafoglio per versare di più. Come se non bastasse il 17 giugno scatta la prima rata di Imu e Tasi che per il momento verrebbe versata con le aliquote del 2018. A dicembre però scatterebbe il conguaglio con i relativi aumenti. A Torino il prelievo sulle case fittate a canone concordato sale dal 5,7 per mille al 7,8 per mille. A La Spezia si va dal 4,6 per mille al 6 per mille. Infine va sottolineato che in alcuni Comuni è stata messa sul campo una sorta di compensazione: a Lucca, Udine e Padova è aumentata l'Imu ma contestualmente è diminuita la Tasi. Ma l'Irpef aumentata potrebbe annullare questi effetti. Il governo, soprattutto con la Lega, propone una forte riduzione della tasse con la flat tax. Dietro le quinte però lascia ai Comuni la facoltà di aumentare le tasse locali...

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
04/06/2019 21:36:48


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio L'Esperto

Flat tax abolita per i redditi da 65 a 100 mila euro annui >>>

Il governo giallorosso prepara una stangata dietro l'altra >>>

Ecco il piano dei giallorossi per smantellare "Quota 100" >>>

Dietro alla "rivoluzione verde" l'Ue nasconde tre nuove tasse >>>

Il mercato immobiliare recupera: ecco alcuni consigli per investire >>>

Nuovo faro di Bankitalia sull' uso anomalo dei contanti, controlli sopra i 10mila euro >>>

Fisco, in arrivo 800mila cartelle di pagamento >>>

Si torna al voto? Cosa cambia su pensioni, quota 100 e opzione donna >>>

I movimenti sul conto corrente che scatenano il Fisco >>>

Così la fusione di Imu e Tasi diventa una stangata sulla casa >>>