Rubrica Lettere alla Redazione

Schisciate le donne di Palazzo del Pero

"Me le ricordo li’ fino da bambino di fronte al Bar Giommoni"

Print Friendly and PDF

Sono riusciti a mandarle via le donne del Palazzo del Pero che, alla Chiavica, vendevano i loro prodotti agricoli. Me le ricordo li’ fino da bambino di fronte al Bar Giommoni, ci compravo le castagne, i funghi, l’asparagina. Non facevano niente di male e non importunavano nessuno e non imponevano i loro prodotti, erano diventate un’istituzione, una tradizione popolare, ma quasi tutti i giorni gli facevano le multe, mi dicevano, anche di 500 Euro. Ora non ci sono più e mi dispiace per l’ingiustizia, si perché non è stato corretto mandarle via mentre per il Corso c’è una miriade di persone che infastidiscono la gente chiedendo l’elemosina, vendendo di tutto. Gente con uno strumento in mano che bisognerebbe traventarglielo addosso, bivacchi continui e gente fastidiosa che ti tira per la giacca. MA ORA DICONO CHE TUTTO È REGOLARE. Ora le multe non le fanno più, sono tutti contenti.
Porca Miseria così funziona.

Severino Baldi

Redazione
© Riproduzione riservata
25/08/2019 13:11:19


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Lettere alla Redazione

Ma fare lavorare gli extracomunitari non é possibile? >>>

Una perla rara che incornicia Porta Fiorentina a Sansepolcro >>>

Residenti di Viale Armando Diaz a Sansepolcro disperati >>>

Dove sono finiti gli statisti? >>>

Necessarie modifiche al piano del traffico di Sansepolcro >>>

Dimenticarsi del Covid-19 può essere molto pericoloso >>>

Roberto Neri: "Assurdo lo slittamento temporale di 3 giorni da parte del governatore Rossi" >>>

I sussidi rivestono un ruolo vitale, ma non devono essere considerati sostitutivi del lavoro >>>

Non ci lasciate soli >>>

Non parlate del Covid-19 ma pubblicate solo notizie positive >>>