Notizie Nazionali Sanità

Il rischio tumore non è uguale per tutti i fumatori: messo a punto un test

Lʼesame permetterà di stabilire chi ha probabilità di sviluppare la malattia

Print Friendly and PDF

Il rischio di tumore al polmone non è uguale per tutti i forti fumatori e per la prima volta è stato individuato uno screening personalizzato per la diagnosi precoce. Lo dimostra lo studio bioMILD dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Tac spirale toracica a basso dosaggio di radiazioni e test microRNA sul sangue sono i due esami che possono cambiare il destino di forti fumatori e soggetti ad alto rischio di sviluppo del carcinoma polmonare. La ricerca rappresenta una svolta perché scardina l'idea che non sia possibile effettuare una diagnosi precoce del carcinoma polmonare. Al contrario, prova che è possibile stabilire in anticipo chi ha maggiori probabilità di sviluppare la malattia e definire il calendario dei controlli e le misure preventive.

Il campione dello studio - Lo studio è stato supportato da Fondazione Airc per la ricerca sul cancro ed è stato presentato alla 20esima Conferenza mondiale dell'International Association for the Study of Lung Center (IASLC) a Barcellona. BioMILD è stato condotto su circa 4mila persone, arruolate all'inizio del 2013. Il 70% dei partecipanti era costituito da forti fumatori - cioè consumatori in media di un pacchetto di sigarette al giorno per 30 anni - con un'età superiore ai 55 anni. Il restante 30% comprendeva volontari nella fascia d'età 50-55 anni, fumatori di 30 sigarette al giorno, sempre da almeno 30 anni.

I risultati degli esami - Tutti sono stati sottoposti alla combinazione LDCT-test miRNA, eseguito attraverso il semplice prelievo di un campione di sangue. I miRNA sono piccolissime molecole, molto specifiche, che vengono rilasciate precocemente dall'organo aggredito dalla malattia e dal sistema immunitario. I risultati sono stati significativi: il 58% dei partecipanti è risultato negativo a entrambi i controlli ed è stato classificato a rischio basso di tumore del polmone, mentre il 37% è risultato positivo a uno dei due esami (rischio medio) e il restante 5% ha avuto entrambi i valori positivi con un rischio molto più alto di ammalarsi.
 

Notizia e foto tratte da Tgcom 24
© Riproduzione riservata
09/09/2019 14:22:50


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Sanità

Mancano i medici, in Molise arrivano quelli militari >>>

Firenze, a 97 anni dona il fegato per un trapianto >>>

Studio italiano: “Una terapia genica ripara il cuore dopo l’infarto” >>>

Mancano 1300 medici, la Regione Veneto riassume quelli in pensione >>>

Vaccini, la copertura cresce. La legge sull'obbligo ha fatto centro >>>

Dal 1° marzo in Piemonte abolito il costo del ticket sui farmaci >>>

Influenza vicina al picco: 725mila le persone colpite nella quarta settimana dell'anno >>>

Ambulanze senza medici, l’assessore dell’Emilia Romagna radiato dall'Ordine >>>

Un italiano su dieci da oggi è più giovane: da adesso si diventa anziani a 75 anni >>>

Batterio killer in ospedale, il Veneto invia una lettera a 10 mila pazienti per avvisarli >>>