Notizie dal Mondo Cronaca

Brasile, Lula a un passo dalla libertà dopo la sentenza della Corte Suprema

Eliminata la norma che impone il carcere ai condannati se questi perdono il primo ricorso in appello

Print Friendly and PDF

La Corte Suprema brasiliana ha deciso di eliminare la norma che impone il carcere ai condannati se questi perdono il primo ricorso in appello, stabilendo che le manette non possono scattare prima che siano stati espressi tutti i gradi di giudizio. La sentenza potrebbe portare alla scarcerazione, tra gli altri, dell'ex presidente Luiz Ignacio Lula, condannato per tangenti. Potrebbe uscire a giorni, al massimo settimane. La sua difesa ha già chiesto la libertà immediata. Lula è stato chiuso in carcere nel luglio del 2018 per scontare una condanna a 8 anni e 10 mesi. Il primo presidente operaio, ha guidato il Brasile dal 2003 al 2010. Se nel 2016 la sentenza del Tribunale Superiore Federale era stata di 6 a 5 a favore della pena da scontare subito, dopo il secondo grado, il risultato si è capovolto: sempre 5 a 6 ma a favore della pena da scontare dopo l’ultima istanza processuale. Lula ha pendente un ricorso al Tribunale Superiore di Giustizia e un altro al Tribunale Superiore Elettorale.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
08/11/2019 15:15:01


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Blitz degli attivisti di Greenpeace sul palazzo del Consiglio europeo >>>

Attacco jihadista a una base di addestramento in Niger, strage di reclute >>>

L’attacco in New Jersey potrebbe essere un atto di odio antisemita >>>

Repubblica Ceca: sparatoria in un ospedale, 6 morti. Il killer si è tolto la vita >>>

Esplode vulcano in Nuova Zelanda: strage di turisti sull’isola di White >>>

È morta Marie Fredriksson, voce dei Roxette >>>

Doping, la Russia esclusa per quattro anni dalle Olimpiadi >>>

Inghilterra, donna pagata oltre 2mila sterline per stuprare bambina >>>

New Delhi, incendio divampa in fabbrica: 43 i morti >>>

Avvistato nel nordest della Cina un raro capriolo d’acqua >>>