Notizie dal Mondo Cronaca

Chiudono il figlio in una gabbia per gatti: muore per le torture

L'orrore a Singapore, dove una coppia di genitori ha ammazzato il figlioletto

Print Friendly and PDF

"Non voleva fare il bagnetto". Con questa folle motivazione, due genitori hanno chiuso il proprio figlio di 5 anni in una gabbia per gatti e lo hanno torturato per giorni, fino alla morte. L’orrore a Singapore, dove i due genitori-mostro sono stati condannati per aver barbaramente ucciso il piccolo nel loro appartamento, trasformato in una crudele case di tortura. I responsabili di tale assurda violenza sono un padre e una madre mostro di 27 anni: i loro nomi, riportati dal Daily Mail, sono Azlin Arujunah e Ridzuan Mega Abdul Rahman. Una storia terribile che ha scioccato il Paese e per la sua efferatezza ha valicato i confini nazionali. Da quanto riportato dagli investigatori, il bambino sarebbe stato fatto entrare a forza in una gabbia per gatti, le cui dimensioni – ovviamente – sono assai ridotte. Qui è iniziato l’orrore. Il padre e la madre, servendosi di puntali, bacchette e quant’altro di sottile e appuntino si sono messi a pungere il corpo del bimbo. Il piccolo ha dovuto subire anche di peggio: i due orchi, infatti gli hanno rovesciato – più volte – pentole di acqua bollente addosso. Torture brutali che, dopo qualche tempo, hanno portato alla morte del bambino. Sul corpo senza vita dell’innocente, i medici hanno rinvenuto i segni delle ustioni, oltre a innumerevoli lividi, ferite ed escoriazioni, segni inequivocabili di quanto subito durante la folle prigionia. A quanto emerso, una volta resisi conto della morte di loro figlio, i due genitori degenere hanno fatto trascorrere diverse ore prima di contattare il numero dei soccorsi. Una volta giunti in ospedale, i dottori hanno accertato il decesso e, viste le condizioni del cadavere, hanno contattato le forze di polizia, che hanno proceduto ad arrestare i due carnefici. Il quotidiano d'oltremanica racconta che nell’aula di Tribunale, durante il processo a loro carica, i due 27enni hanno provato a negare tutte le accuse a loro carico. Solo in seguito sono crollati, ripercorrendo l’orrore commesso, tappa dopo tappa. La motivazione del loro raptus omicida è davvero folle: un capriccio del figlioletto. Il piccolo, infatti, non voleva farsi regolarmente il bagno e allora, in un impeto di ira, lo hanno chiuso nella gabbia del gatto per dargli una lezione.

notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
16/11/2019 06:40:39


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Strage di Srebrenica 25 anni dopo: ancora oggi le madri cercano i resti dei loro figli >>>

Robert De Niro ha perso oltre 5 milioni di dollari per il coronavirus >>>

Australia, muore a 17 anni dopo l’attacco di uno squalo >>>

L’Etiopia trema: dopo l’assassino del cantante icona, 230 morti e tumulti in tutto il paese >>>

Coronavirus: pub in Gran Bretagna riaprono, anche il Galles annuncia l'ok >>>

Coronavirus: Brasile, il totale dei morti sfiora i 70 mila >>>

Kazakistan: la Cina mette in guardia su una "polmonite sconosciuta" >>>

Trovato morto il sindaco di Seul che era scomparso >>>

Scomparsa dopo un bagno in un lago californiano la star di “Glee” Naya Rivera >>>

Giappone, piogge torrenziali: migliaia di case isolate >>>