Notizie Locali Comunicati

Ghinelli, la solitudine degli (ex) numeri primi

Dichiarazione del capogruppo Pd al Comune di Arezzo, Luciano Ralli

Print Friendly and PDF

La concitazione del dibattito in Consiglio comunale ha forse fatto sottovalutare le dichiarazioni del Sindaco Ghinelli sul caso Multiservizi.

Proviamo a riepilogare

Dice il Sindaco: “le inchieste che riguardano Lorenzo Roggi, Roberto Bardelli e Luca Amendola non mi toccano affatto”. Nessun consigliere ha mosso rilievi penali. Ci siamo solo chiesti perché una riunione oggetto di un’inchiesta penale si sia svolta alla sua presenza, nel suo ufficio e senza alcun suo intervento censorio. Se quello che leggiamo è vero, si stava narrando un possibile  reato. Un sindaco, pubblico ufficiale, doveva tacere?

Dice il Sindaco, riferendosi a Bardelli: “è vero gli diedi udienza, cercai di capire ma ben poco riuscì a comprendere”. Ma davvero? Era così difficile? E se fosse vero, Arezzo ha un Sindaco che non riesce a comprendere uno dei consiglieri a lui più vicini?

Dice il Sindaco: “mi conoscete, sono una persona trasparente che le cose non le manda a dire“. Non le manda a dire e nemmeno le dice. Rinnoviamo la domanda senza risposta: la sua linea difensiva, dal punto di vista politico, di fronte a quanto accaduto nel suo ufficio è che lei non ha compreso?

Dinanzi alla richiesta di chiarimento solo l’aggressività verbale: “state barbaramente strumentalizzando stralci di registrazioni e intercettazioni solo per fini di carattere politico e di campagna elettorale“. E velate minacce: “oggi tocca al sottoscritto rispondere in questa sede non di fatti ma di chiacchiere ma domani potrebbe toccare a voi”.

E la conclusione è degna di un proclama da trincea: “non ci toglierete di mezzo in questo modo perché non è giusto per noi e per nemmeno per voi”. Sindaco, cosa sia giusto per noi, lo decidiamo noi e anche il “voi” è fuor di luogo. Noi stiamo chiedendo chiarimenti a lei e non ad un generico “voi”. Rifletta sul totale (fatta un’unica eccezione) silenzio dei suoi alleati. Forse anche loro cominciano a riflettere che lei è lei e loro sono loro.

Oggi è lecito domandarsi quale sia la credibilità istituzionale della figura del Sindaco di Arezzo.  Lo era prima del Consiglio comunale, lo è ancora di più dopo

Redazione
© Riproduzione riservata
22/01/2020 17:33:51


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

"Anas rispetti l’impegno preso con il Comune di Anghiari: asfaltare l'abitato di San Leo" >>>

Creare una commissione per il controllo e la sicurezza di Città di Castello >>>

Case Popolari Arezzo: l’assessore Nisini risponde alla lettera del Sunia >>>

Podere Rota, il Comune di Montevarchi ha votato contro all'aumento delle tariffe >>>

"Negata la richiesta della convocazione periodica della commissione ambiente" >>>

Progetto Valtiberina propone il progetto "Botteghe artigiane nel centro storico" >>>

Governo e Regione Toscana intervengano a sostegno dell'economia >>>

Centri di aggregazione sociale: da restituire alla città anche per incontri e dibattiti politici >>>

Coronavirus: le riflessioni del sindaco di Bagno di Romagna >>>

Coronavirus, Fiera Antiquaria di Arezzo senza espositori provenienti dalle zone focolaio >>>