Opinionisti Alessandro Ruzzi

Ghinelli scantona anche stavolta?

Un uomo solo abbandonato da chi fino a ieri lo beatificava

Print Friendly and PDF

Le registrazioni Staderini come l'affare Coingas; ero in Comune d'Arezzo per vedere che come si sarebbe articolata la discussione consiliare. Se il colpo d'occhio fosse termine di riferimento potrei dire che c'era una porzione del consiglio comunale bollente, dallo scranno del sindaco si distendeva sulla sua sinistra comprendendo la assessora Tanti e i banchi del centro sinistra. Tutto il resto era gelido, dimostrando con il silenzio l'imbarazzo che alcuni della maggioranza mi hanno espresso a parole. Dinanzi alle interrogazioni -che per me hanno correttamente puntato il dito sulle implicazioni politiche e morali che emergono da quanto i più hanno compreso dalle registrazioni dell'amico del cuore del sindaco- il Sindaco aretino ha preferito dare lettura di un documento che ha indicato come elaborato dai suoi avvocati. Cose già viste alcuni mesi fa quando l'inchiesta sulle consulenze scandalose della società partecipata presieduta dal presidente della lista OraGhinelli aveva visto coinvolgere quali indagati il sindaco stesso, un assessore, due presidenti di partecipata, ex presidente di partecipata, alcuni professionisti per consulenze di importo fantasmagorico la cui liceità e necessità è sotto esame. Come vale per le indagini in corso adesso e che traggono origine dalle registrazioni effettuate di nascosto dall'uomo di fiducia del sindaco, anche quelle circa l'affaire Coingas non hanno ancora portato ad alcun rinvio a giudizio quindi si parla di persone largamente innocenti sino adesso. Ma come per le parole e l'atteggiamento del sindaco Ghinelli nella questione Coingas, la diatriba è politica e etica. Ed il sindaco non ha risposto, sferrando un attacco alla opposizione che non avrebbe mai contestato la sua visione e le sue realizzazioni in Arezzo e buttandola in caciara. La ricostruzione dell'affidamento della nomina di ArezzoMultiservizi all'attualmente indagato Amendola, che per Ghinelli è frutto della concertazione fra le forze di maggioranza, si scontra con le registrazioni dove l'ingegnere racconta in soldoni che tutti gli dicono che, se vuole bene a Bardelli, deve nominare Amendola. Vuol così chiamarsi fuori da qualunque situazione lo veda coinvolto tramite Bardelli (consigliere comunale di maggioranza che definisce conoscente pur essendo stati entrambi consiglieri di minoranza dal 2011 al 2015): sostiene che Bardelli non poteva decidere la nomina. Comunque una delle due: o ha nominato ben 3 persone ai vertici di partecipate che non sono degne della sua fiducia sia per come si comportano (vedi Staderini e le registrazioni furtive) sia per come valutano quanto descrivono (chiacchiere inconsistenti nella visione del sindaco, promesse non mantenute per Bardelli e Roggi -attuale presidente di ArezzoCasa ma soprattutto segretario particolare della senatrice Nisini, assessore con Ghinelli) oppure non si è mobilitato per censurare un comportamento inaccettabile per pubblici ufficiali. La procura indaga per corruzione, ed il reato di corruzione impropria scatta anche dinanzi ad una promessa -intesa come scambio di utilità- non mantenuta. E certo ha disturbato molto che il Sindaco non abbia risposto immediatamente alla interrogazione dell'opposizione che chiedeva, piatto piatto, se avesse ricevuto un avviso di garanzia per la vicenda Coingas, rimandando ad una risposta scritta. Perché l'idea è quella che un uomo solo, abbandonato da chi fino a ieri lo beatificava dinanzi ad una situazione quanto meno sgradevole. Situazione nella quale si è scatenato il “tana liberi tutti”: le voci sull'attivismo delle singole forze politiche di maggioranza alla ricerca di un candidato alternativo a Ghinelli si sprecano.

Redazione
© Riproduzione riservata
24/01/2020 18:10:47

Alessandro Ruzzi

Aretino doc, ha conseguito tre lauree universitarie in ambito economico-aziendale, con esperienza in decine di Paesi del mondo. Consulente direzionale e perito del Tribunale, attento osservatore del territorio aretino, ha cessato l'attività per motivi di salute, dedicandosi alla scrittura e lavorando gratuitamente per alcune testate giornalistiche nelle vesti di opinionista. alessandroruzzi@saturnonotizie.it


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Alessandro Ruzzi

Belladonna e le regolarizzazioni: vado in crisi >>>

Ardateci quelli de prima, io lai! >>>

Salute o lavoro? >>>

L'uscita a gamba tesa del vescovo Fontana >>>

Il tenente Drogo affila la baionetta >>>

Dinanzi all'eterno riposo recitato in tv >>>

Sulla pelle degli italiani >>>

Mai così tanti dovettero così tanto a così pochi >>>

Le lacrime di Drogo. (5°) >>>

I conti del furiere della fortezza. (4°) >>>