Opinionisti Alessandro Ruzzi

Dinanzi all'eterno riposo recitato in tv

Ecco cosa scrive l'evangelista Matteo, cap 6

Print Friendly and PDF

5 Quando pregate, non siate simili agli ipocriti che amano pregare stando ritti nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, per essere visti dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Tu invece, quando preghi, entra nella tua camera e, chiusa la porta, prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
Pregando poi, non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno ancor prima che gliele chiediate. Voi dunque pregate così:
Padre nostro che sei nei cieli, .......
Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà già le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena.
La D'Urso non è mio problema, lavora nel privato; passasse in Rai, sarebbe un ulteriore motivo per mandare in culo quelli di via Mazzini in Roma, quelli salvati dal coronavirus così non motivano la trasferta di 700 dipendenti a Sanremo per l'ultimo festival o la multa da 1,5 mil€ che noi obbligati a pagare il canone ci accolleremo per i loro meschini errori o le forniture passate ad amici o il circolo sportivo che si concedono a nostro danno.
Neanche Salvini sarebbe un mio problema: mi potrà comandare, ma non mi convincerà mai specie dopo che conferma di ignorare i fondamenti della religione di cui si professa campione.
Ho sopportato Prodi, D'Alema, Berlusconi e altri mediocri, ce la farò, forza della democrazia.
Ma è difficile scansare quella massa di ignoranti che sventola la bandiera religiosa quando ne ignora i precetti, massa che vuole plasmare la mia vita su concetti che non condivido o, purtroppo, su dogmi che tali non risultano, sempre che sia giusto prevaricare gli altri su tali basi. Vedi l'ostentazione della propria religiosità, bigotti e baciapile.
Una volta ancora mi sovviene il turbamento che Darwin deve aver provato nello scrivere il suo “Origine delle specie..”; il raziocinio, dono appunto divino, lo portò allo scontro con coloro per i quali la genesi biblica è esatto racconto dell'accaduto. Io, oggi, non vedo motivo di non-coesistenza di genesi ed evoluzione, tuttora il big-bag non riesce a trovare una ipotesi razionalmente sostenibile. Trovo assai fantasiose molte citazioni delle parole del Cristo (in diversi passi, il cammello e la cruna sono solo il passo più evidente), figurarsi quelle parti esclusive di un popolo con cui condivido pochissimo, ma il quadro complessivo è definito. Riconosco nell'inizio del tutto un intervento divino, ma non credo che i fossili siano resti di giganti come dicono i terrapiattisti. Accetto la evoluzione -ricordo che è proposta quale teoria scientifica-, rifiuto il dogma calato da chissà chi perchè. Accetto che altri vi credano -del resto sono molte le convenzioni che usiamo, nel linguaggio o in matematica-, non che la mia vita sia regolata da dogmi. E quando si applicano le parole del Cristo a base della teologia e della ritualità cristiana, allora mi dispiaccio per il torto che gli fanno. Il rapporto col divino è privato, non sbandierato; c'è scritto chiaramente.
Come il richiamo alla ricerca della giustizia divina, credo nel discorso della montagna ci trovino un riassunto adatto alle loro ristrette menti.
A ciascun giorno basta la sua pena. Anche senza questi ciarlatani. Che usano questa epidemia come un randello; imbarazzo ed ipocrisia a bizzeffe, propaganda politico elettorale di bassa lega.
Ma ne verremo fuori, al peggio la natura riprenderà possesso del pianeta. Se ci lasciamo una telecamerina potremmo vedere se l'evoluzione è mito o realtà. Più difficile appurare la vera storia della genesi, per me non come descritta eppur dovuta alla mano di Dio.
Glielo spiegate voi a quelli lì cosa significano quelle poche frasi di Matteo?
Oppure devo credere che è uno sporco infiltrato rosso? Altro che Giuda.....

Redazione
© Riproduzione riservata
06/04/2020 08:04:44

Alessandro Ruzzi

Aretino doc, ha conseguito tre lauree universitarie in ambito economico-aziendale, con esperienza in decine di Paesi del mondo. Consulente direzionale e perito del Tribunale, attento osservatore del territorio aretino, ha cessato l'attività per motivi di salute, dedicandosi alla scrittura e lavorando gratuitamente per alcune testate giornalistiche nelle vesti di opinionista. alessandroruzzi@saturnonotizie.it


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Alessandro Ruzzi

Quelle poltrone “comode”, con l'emolumento All'assalto, miei prodi >>>

Oro e non solo: drammatici giorni dell'economia aretina >>>

Lo scippo che abbiamo subito >>>

Buio pesto >>>

Tre siluri al sindaco Ghinelli ed al suo “sistema” >>>

I problemi di Italia, quelli di Arezzo >>>

Le tensioni politiche e dei cittadini >>>

Belladonna e le regolarizzazioni: vado in crisi >>>

Ardateci quelli de prima, io lai! >>>

Salute o lavoro? >>>