Notizie Locali Comunicati

Anghiari, divisione e confezionamento delle mascherine affidate a personale esperto

Al via la distribuzione porta a porta, il grazie del sindaco Alessandro Polcri ai volontari

Print Friendly and PDF

Le mascherine arrivate nel pomeriggio di martedì dalla Regione Toscana sono già state tutte suddivise per nuclei familiari e confezionate. Il comune di Anghiari ha scelto la strada della massima sicurezza, affidando la preparazione dei dispositivi a persone selezionate ed esperte, nel rispetto della distanza interpersonale e con la sorveglianza di un medico. “Abbiamo ritenuto importante suddividere le mascherine e confezionarle seguendo ogni singola regola di  igiene sanitaria – ha spiegato il sindaco – inutile raccomandare ai cittadini di utilizzare i dispositivi se questi non vengono poi maneggiati in sicurezza. Ho scelto di dedicare qualche ora in più alla preparazione delle confezioni, affidando il compito a persone fidate, fornendo al personale volontario igienizzanti, mascherine e guanti, e assicurando il rispetto della distanza di sicurezza in un ambiente, quello comunale, già sanificato. Nei prossimi giorni i nostri cittadini riceveranno dispositivi monouso sicuri e un foglio illustrativo con le indicazioni di utilizzo e di sanificazione ”. 

 

Una distribuzione, quella scelta dal comune di Anghiari, che segue più livelli. Nel capoluogo infatti due volontari stanno consegnando i dispositivi seguendo lo stradario fornito dagli uffici e suonando al campanello di ogni famiglia residente che riceverà due mascherine per persona. In caso di assenza i volontari lasceranno i dispositivi nella cassetta postale, altrimenti per chi non dovesse riceverli sarà possibile contattare il comune e concordare una seconda distribuzione che avverrà nella prossima settimana tramite la C.o.c. Nelle frazioni invece sono i vari Circoli a gestire la distribuzione, raggiungendo anche le case più lontane e disperse. “Arriveremo da tutti – ha aggiunto Polcri – chiediamo solo un po’ di pazienza considerato che il territorio di Anghiari è uno dei più vasti di tutta la Regione, con una densità demografica sparsa che richiede un’organizzazione e un lavoro logistico enorme. Nessuno sarà lasciato indietro. Ringrazio davvero tutti i volontari che hanno risposto fin da subito a questa emergenza, è loro e dei dipendenti dei nostri uffici il merito di questa macchina organizzativa che sta funzionando nel migliore dei modi, in un clima di solidarietà e di orgoglio paesano”. Il comune di Anghiari nei prossimi giorni procederà inoltre all’acquisto di mascherine prodotte da due aziende locali Ecosanit e Busatti, che verranno distribuite nei negozi di vicinato del comune, dove è richiesta una maggiore attenzione a causa appunto della presenza di più persone. “Anche a queste due aziende va il nostro ringraziamento, per essersi adoprate fin da subito a produrre mascherine di protezione dando un importante contributo alla comunità – ha concluso Polcri - guardando al futuro abbiamo sempre più la consapevolezza di essere una comunità coesa, con una macchina comunale efficiente e aziende locali sempre in prima linea per il territorio”.

Redazione
© Riproduzione riservata
09/04/2020 16:23:04


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

"Fase 2" a Città di Castello: chiusura delle attività alle 23.30 fino al 31 maggio >>>

No a ulteriori balzelli sulla carne: approvata la mozione in consiglio regionale a Firenze >>>

Positivi a domicilio, sono tutti guariti a Sansepolcro >>>

Giuseppe Fanfani: «Il suo nome nelle chat sull’inchiesta Csm compromette profilo di garanzia» >>>

Coronavirus a Città di Castello: “un nuovo guarito. Partono i test sierologici" >>>

Finiamola!!! >>>

Arezzo, la "fase 2" comincia con quasi 2 milioni di euro >>>

Città di Castello, Bacchetta su movida: "Chiusura alle 23.30 fino al 7 giugno" >>>

Monte San Savino taglia le tariffe dei servizi di trasporto e mensa >>>

“Umbria bella e sicura”: la Regione Umbria si dimentica di far inserire l’Alta Valle del Tevere >>>