Economia L'Esperto

La nonna di Tomasini e il debito della Repubblica italiana

Che l'Italia si possa finanziare da sola è un aspetto molto delicato della gestione del debito

Print Friendly and PDF

Quando sei solo a comprare una azione o un titolo o stai facendo l’affare del secolo o l'affare del secolo lo sta facendo il venditore.

 

Così gira il fumo sui mercati e nella vita.

Che l’Italia si possa finanziare da sola, come va di moda dire oggi, è un aspetto molto delicato della gestione del debito. E molto pericoloso.

Mi ha stupito la Prof. Elsa Fornero che in un dibattito televisivo settimane fa ha apertamente dichiarato “ci dovrà essere molto presto una qualche forma di trasferimento della ricchezza privata alla ricchezza pubblica”. Rispetto molto l’onestà intellettuale della Fornero che da anni sostiene l’insostenibilità del nostro sistema previdenziale, appartenendo forse ad una categoria, quella dei giornalisti, che ha un suo istituto di previdenza, l’INPGI, vicino al collasso con un disavanzo stimato per il 2020 di 190 milioni di euro rispetto ai 169 del 2019.

I giornaloni della stampa finanziaria compassata sventolano ai quattro venti il successo del collocamento del BTP Italia, come se i cattivi dell’Unione Europea che non vogliono mettere mano al portafoglio per aiutare gli evasori italiani fossero stati salvati dalla cavalleria dei piccoli risparmiatori italiani che a colpi di 20.000 euro di investimenti in BTP hanno ribaltato le sorti del Belpaese.

“L’Italia si salva da sola” titola Milano Finanza, più freddo Il Sole 24 Ore “BTP Italia: ecco chi l’ha comprato, tra piccoli risparmiatori, banche e investitori esteri”. Dei 383.966 contratti conclusi nella fase riservata al retail circa il 60% è stato di importo inferiore ai 20.000 euro. In totale il 78% dei 14 miliardi di euro raccolti nella prima fase del collocamento è stata sottoscritta dai piccoli risparmiatori dice il Ministero dell’Economia. E se si considerano i contratti fino a 50.000 euro si arriva circa all’88% del totale relativo a questa fase.

Nella seconda fase il collocamento ha visto una presenza predominante di investitori domestici, che hanno sottoscritto il 51.9% del totale.

Morale: la maggior parte del collocamento è in mano ad italici sottoscrittori dei quali la maggior parte sono retail.

Io non sono compreso nel 78% di quei sottoscrittori e me ne vanto. Quando il debito è in mano quasi solo ai piccoli il rischio aumenta: se ci fossero piccoli italiani e grandi stranieri insieme (dove per grandi intendo gli investitori istituzionali tedeschi e francesi) mi sentirei molto più a mio agio. Il debito pubblico è in mano oggi solo per il 28% ad investitori esteri. Francamente per guadagnare un rendimento dell’1.59% lordo sull’orizzonte dei 10 anni, tanto rendono i BTP decennali, io me ne sto a casa a guardare la televisione. E idem con patate su un orizzonte dei 30 anni per uno striminzito 2.51% lordo, anche considerando che su quel time frame la gran parte dei miei lettori (me compreso) sarà in cielo a suonare l’arpa.

Come un investitore possa investire con questi tassi di interesse e dormire sonni tranquilli non l’ho mai capito e né mai lo capirò.

Forse la conclusione è che tutti stimano il futuro in base a quello che è successo nel passato.

Quando spiego ai miei amici che il debito pubblico era il 136% del PIL a febbraio 2020 ed adesso forse è arrivato al 170% (nessuno lo vuole scrivere nero su bianco tanto che Moody’s pur di non emettere il giudizio sul debito italiano ha “riorganizzato il calendario” sic !) e la Grecia è saltata con il 140% mi rispondono sempre allo stesso modo: dici che falliremo presto da almeno 20 anni e non è ancora successo ancora niente e tu sei lì bello paffuto a raccontare sempre la stessa storia.

Un po' come mia nonna che da 60 anni in poi minacciava ogni giorno “ora muoio” “ora muoio” “ora muoio”. Lo ha fatto per 30 anni e poi alla fine, aggiungo io, ci ha azzeccato perché è morta davvero.

Farà la stessa fine della nonna di Tomasini anche il debito della Repubblica Italiana ?

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
23/05/2020 15:38:07


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio L'Esperto

Superata la soglia dei dieci miliardi di crypto-dollari emessi su blockchain >>>

Cosa ci dice il rialzo dell'oro >>>

Ubi non si arrende a Intesa. Ma il "Patto dei mille" cede >>>

La Grecia nuovo paradiso per pensionati? >>>

Superbonus e Sismabonus, requisiti e consigli per ottenere le detrazioni del 110 per cento >>>

Il Fisco si inventa il "caffettometro" >>>

Tempo di ecobonus, incentivi per chi cambia infissi e caldaie >>>

Il Fisco busserà alle porte dei contribuenti entro la fine dell'anno >>>

Ecco il documento unico per le auto: a cosa serve e come funziona >>>

In arrivo la nuova Imu: ecco cosa cambia dal 16 giugno >>>