Notizie dal Mondo Cronaca

Nuovi lockdown nel nord-est dell’Inghilterra, a Londra torna l’incubo chiusure

Nel Regno Unito quasi 4000 in più i contagi nelle ultime 24 ore

Print Friendly and PDF

Tornano lockdown localizzati per  milioni di persone nel nord-est dell'Inghilterra. Lo ha formalizzato il governo il ministro della Sanità britannico, Matt Hancock, estendendo il giro di vite già reintrodotto nelle settimane scorse in città come Birmingham, Bolton o Leicester ai Comuni di Newcastle e Sunderland, nonché nelle aree del Northumberland, di North e South Tyneside, di Gateshead e della contea di Durham, dove dalla mezzanotte sono previste fra l'altro limitazioni più severe sui contatti sociali e sugli orari di apertura di pub e locali pubblici. Si tratta di "una risposta immediata" alle "preoccupazioni" per il nuovo incremento dei contagi da coronavirus nella zona, ha spiegato Hancock, con tassi d'infezione locali compresi al momento fra 70 e 103 casi diagnosticati per ogni 100.000 abitanti, nettamente superiori alla media nazionale. Quasi 4.000 in più i contagi nelle ultime 24 ore nel Regno Unito, record dai primi di maggio sullo sfondo d'un livello di test quotidiani oltre i 220.000. Lo certificano i dati diffusi oggi dal governo, segnalando anche un aumento di morti giornalieri (20) e un lieve ma costante rialzo di ricoveri in reparto o in terapia intensiva (900 e 115 pazienti totali, al momento, nell'intero Paese). Dati di fronte ai quali il premier Boris Johnson, durante un'audizione di fronte al coordinamento delle commissioni parlamentari a Westminster, assicura però che sarà fatto "tutto quanto è in nostro potere" per evitare un secondo lockdown nazionale potenzialmente "disastroso per l'economia". Incalzato dal compagno di partito Julian Knight, presidente Tory della commissione Cultura alla Camera dei Comuni, sulle preoccupazioni per le conseguenze di un eventuale lockdown bis, il premier ha ribadito di non volere un simile epilogo. E di aver reintrodotto limiti più stringenti ai contatti sociali, oltre a forme di lockdown localizzati nelle aree a più forte rimbalzo dell'infezione, proprio per evitarlo. "Faremo tutto quanto è in nostro potere" per scongiurare di dover richiudere il Paese, ha insistito Johnson, ammettendo che un secondo lockdownnazionale "sarebbe nient'altro che disastroso" per l'economia britannica in genere, nonché per settori "vitali" per il Regno come le arti o la cultura. Il primo ministro ha quindi ribadito l'impegno del governo a facilitare per quanto possibile una ripresa della normalità controllando la pandemia attraverso test sempre più capillari: in attesa che la scienza finisca di mettere a punto anche kit per l'individuazione super rapida del virus, "analoghi a quelli per la gravidanza".

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
18/09/2020 05:25:43


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Morto a 90 anni Sean Connery, il suo nome era “James Bond” >>>

Berlino apre l’aeroporto Willy Brandt, dopo 8 anni di ritardo >>>

Terremoto tra Grecia e Turchia di magnitudo 7, mini tsunami a Smirne >>>

Francia sotto attacco: strage nella cattedrale di Nizza, 3 morti >>>

Macron: “Da venerdì lockdown in tutta la Francia” >>>

Coronavirus, Von der Leyen: “Da aprile fino a 50 milioni di dosi” >>>

Covid, la Francia verso la chiusura: stasera il discorso di Macron >>>

Pakistan, bomba contro una scuola coranica: morti almeno 8 studenti, oltre 100 i feriti >>>

La Nasa: “L’acqua sulla Luna c’è ed è più accessibile del previsto” >>>

Coronavirus, il vaccino di Oxford genera risposta immunitaria negli anziani >>>