Amore Sesso

Il sesso nel Medioevo

Molte "sveltine" che penalizzavano le donne

Print Friendly and PDF

Le “sveltine” nel Medioevo non erano peccato. Nella prima tradizione cristiana corpo e piacere sessuale non erano sempre associati al male, anche se fare l’amore troppo spesso era ritenuto già dalla medicina classica dannoso e debilitante. Il concetto di peccato carnale si sviluppò in seguito, mutuandolo proprio dal mondo classico: si pensava infatti che le passioni ottenebrassero la mente. In chiave cristiana, questo significava distogliere l’uomo dal raggiungimento della salvezza.
No ai preliminari. La più grande vittima della nuova etica sessuale fu il matrimonio: anch’esso poteva essere segnato dal peccato. C’erano però attenuanti (per esempio se durante l'unione la donna rimaneva passiva) e scappatoie (non abbandonarsi a preliminari). Per la maggior parte delle coppie il rapporto si riduceva quindi a un coito velocissimo e del tutto indifferente al soddisfacimento della donna.

Redazione
© Riproduzione riservata
04/02/2021 06:46:12


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Sesso

Luoghi strani, nascosti: dal mare alla montagna per appagare la voglia sessuale >>>

Sesso in estate? Sotto la doccia è rinfrescante >>>

Sesso in Acqua: una bella esperienza ma... >>>

La stagione del sesso é l'estate >>>

4,3 donne su 10 ammettono di avere tradito il partner >>>

Crisi del desiderio sessuale: le cause dell’alterazione della libido nella coppia >>>

Durante la pandemia 6 uomini su 10 hanno sofferto di disfunzioni sessuali >>>

Dieta alleata del sesso: i cibi che fanno bene e quelli da evitare >>>

Sesso: mattina o sera? >>>

Il sesso è un ottimo antidepressivo ma attenzione ai farmaci che lo ostacolano >>>