Notizie Locali Comunicati

A Città di Castello ancora non operativo il secondo punto vaccinale

Bettarelli: in Umbria il piano vaccinale regionale fa acqua da tutte le parti

Print Friendly and PDF

“A Città di Castello, mentre si inaugurano i ‘moduli Arcuri’ del Governo Conte, il secondo punto vaccinale non è operativo e ci sono mancate risposte sui trasferimenti di pazienti covid”. È quanto dichiara il consigliere regionale Michele Bettarelli (Pd) annunciando la presentazione di una interrogazione per chiedere “quali siano le ragioni della mancata piena operatività a Città di Castello del secondo punto vaccinale e quali siano i dati delle vaccinazioni giornaliere effettuate in tutti i punti vaccinali umbri”.

“Mentre altre Regioni Italiane sono alle porte delle vaccinazioni per i sessantenni, - spiega Bettarelli - in Umbria il piano vaccinale regionale, dopo le enormi difficoltà iniziali, sta ancora faticando a decollare tra ritardi, difficoltà organizzative che in questi giorni gravano ancora su over 80 e sui più fragili, punti vaccinali inaugurati e poi inspiegabilmente chiusi o comunque a ridottissimo servizio”.

“Questo sta accadendo a Città di Castello – prosegue Bettarelli - dove il secondo punto vaccinale, essenziale per la vaccinazione di massa di tutta la popolazione dell’Alto Tevere, con una capacità vaccinale annunciata di circa 700 unità giornaliere, dopo lo stop totale registrato nei giorni pasquali risulta ancora sostanzialmente inattivo. Accade quindi che nei giorni in cui all’Ospedale di Città di Castello si vedono gli effetti dei provvedimenti del Governo Conte, con l’entrata in funzione del ‘Modular Hospital’, la nuova unità di terapia intensiva realizzata grazie all’intervento del’ex Commissario straordinario Arcuri che ha fornito alla Regione Umbria moduli prefabbricati per implementare i posti letto di terapia intensiva, registriamo ancora pesanti difficoltà e ritardi da parte della Regione. Un rallentamento nelle vaccinazioni che rischia di vanificare la disciplina degli umbri che sta portando ad una significativa contrazione del contagio nella nostra Regione affidando l’Umbria ancora una volta più che alla capacità organizzativa alla fortuna”.

“Tutto questo – conclude Bettarelli - mentre ancora resta senza risposta la mia semplicissima richiesta datata febbraio 2021, e per cui sono 14 i giorni da regolamento previsti per rispondere, sugli eventuali trasferimento di pazienti Covid in altre regioni, evidente segnale di fallimento del piano di salvaguardia disposto dal duo Tesei-Bertolaso”.

Redazione
© Riproduzione riservata
10/04/2021 13:10:50


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Nuovi positivi a Sansepolcro, il sindaco: "Sono contatti di catene già note" >>>

Città di Castello, il sindaco Bacchetta: "Ieri nove guariti e un solo nuovo positivo" >>>

La stazione di Anghiari sta tornando: oltre 200mila euro investiti per rilanciare l’intera area >>>

L’efficienza del sistema sanitario toscano richiama anche i cittadini umbri >>>

Secondo ponte sul Tevere a Sansepolcro, a giugno il varo >>>

Anghiari, montagne di rifiuti abbandonati lungo la provinciale Libbia >>>

Cimiteri di Arezzo: situazione fuori controllo >>>

Umbertide: da domani riapre il museo di Santa Croce >>>

“Quella fondazione che fa tremare il Pd aretino: fine del consociativismo della sinistra aretina” >>>

La Lega di Città di Castello: "Maggior sicurezza nel parco pubblico di San Pio" >>>