Notizie dal Mondo Politica

Vince la secessione in Scozia: “Ora il referendum”

Ma Sturgeon manca la maggioranza assoluta, sollievo di Johnson

Print Friendly and PDF

Vittoria netta in Inghilterra, arrocco riuscito in Scozia e Galles. Boris Johnson porta a casa il migliore dei risultati possibili o quasi per il suo Partito Conservatore nella più vasta tornata elettorale locale mai convocata in Gran Bretagna, la prima dopo la definitiva entrata in vigore della Brexit e dopo il tragico terremoto della pandemia da Covid. Ma lo scontro su un secondo referendum scozzese non è affatto chiuso. Archiviati i primi risultati più che positivi di ieri per la parrocchia Tory, la giornata di oggi ha suggellato l'esito della partita sul cruciale responso scozzese: con il sonante quarto trionfo consecutivo incamerato dai veri avversari del momento, gli indipendentisti dello Scottish National Party (Snp) di Nicola Sturgeon, ma senza la simbolica bandiera di quell'inafferrabile maggioranza assoluta al Parlamento di Edimburgo cui la lady di ferro del nord anelava per dare maggior forza alla pretesa d'un referendum bis sulla secessione finora respinta categoricamente dal governo centrale di Londra. Non che il braccio di ferro sia da considerare concluso, vista l'avanzata comunque impressionante dell'Snp al di là del Vallo di Adriano destinata a lasciare saldamente in mano a Sturgeon le redini del governo locale della nazione con i colori della Croce di Sant'Andrea: se non altro grazie all'alleanza con i Verdi scozzesi, pure da tempo favorevoli a una rivincita referendaria. 

Ma certo per Johnson c'è da tirare ben più che un sospiro di sollievo a dispetto di mesi di polemiche e di sospetti scandali alimentati dagli avversari esterni e interni. In un quadro nel quale il suo partito si rafforza ulteriormente nell'Inghilterra profonda, territorio 10 volte più popoloso di qualunque altra terra del Regno, e non arretra da nessuna parte; mentre il Labour di Keir Starmer porta a casa nel complesso un bottino desolante, peggiore di quello raccolto 5 anni fa dal deprecato socialista "radicale" Jeremy Corbyn.

In Scozia - dove come in Galles hanno votato pure i 16enni - l'esito delle urne, arrivato a rilento a 48 ore dalla chiusura delle urne a causa delle precauzioni Covid e anticipato dalle proiezioni della Bbc, vede l'Snp aggiudicarsi 63 seggi come nel 2016: due in meno dell'agognato 50% più uno. Anche per colpa di un sistema elettorale corretto dal recupero del voto di lista dopo che nei collegi elettorali i secessionisti avevano fatto quasi filotto. E se Sturgeon esulta nella convinzione di disporre "senza alcun dubbio di una maggioranza pro indipendenza" a Edimburgo (vista l'impennata degli alleati Verdi locali a 9 seggi), invocando a questo punto il via libera al referendum come un obbligo democratico, il suo trionfo non è totale. Tanto più che i Conservatori scozzesi si confermano secondo partito con 31 deputati, difendendo lo storico sorpasso di 5 anni fa su un Labour che cala ancora da 24 a 22 seggi.

Redazione
© Riproduzione riservata
09/05/2021 06:33:22


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

La discesa in campo di Annie Hidalgo: “Mi candido alla presidenza della République” >>>

Donne senza voce: "Devono fare figli. Non le ministre" >>>

Laschet, un patto con i Paesi dell’Est sulla sicurezza: “Serve una Fbi europea” >>>

Afghanistan, Biden: “L’evacuazione è difficile e pericolosa, possibili attacchi terroristici" >>>

Biden: "I soldati Usa non possono più morire per l'Afghanistan" >>>

Tunisia, il presidente Saied licenzia il premier e congela le attività del Parlamento >>>

Haiti: un terzo del Senato sceglie Lambert come presidente ad interim >>>

A Peshawar festeggiamenti per la “vittoria” dei talebani in Afghanistan >>>

Pronta la lettera Ue a Orban: verso la procedura d'infrazione? >>>

Mattarella a Parigi, l’asse con la Francia per una nuova Unione Europea >>>