Notizie Nazionali Economia

Stellantis, svolta verde da 30 miliardi: a Termoli il super-polo delle batterie

La strategia di elettrificazione del colosso dell’auto

Print Friendly and PDF

Una scommessa da 30 miliardi sull’elettrico. Stellantis, il colosso nato dalla fusione tra Fca e Psa, mette in campo un maxi-investimento da qui al 2025 per la transizione e i software, con l'obiettivo di diventare leader nel mercato dei Lev (i veicoli a basse emissioni), con una quota di vendite di oltre il 70% in Europa nel 2030. Gli obiettivi della società  sono stati svelati dall'ad Carlos Tavares, nell'Electrification Day del gruppo, che disegna la strategia del gruppo dell’auto. In Italia questi sforzi si tradurranno, tra le altre cose, nella creazione di una gigafactory a Termoli, la terza in Europa del gruppo, che ne creerà cinque a livello mondiale per supportare i propri sforzi. L'allocazione del terzo sito europeo in Italia, dopo quelli in Francia e Germania, «è la conferma dell'impegno di Stellantis in Italia e della volontà dell'azienda di continuare a investire sul suo sistema produttivo» spiega il gruppo. L'identificazione dell'impianto powertrain di Termoli, spiega la società, «rappresenta una scelta coerente nel contesto del percorso di Stellantis verso la completa transizione energetica», sulla scia di quanto annunciato per Douvrin in Francia e per Kaiserslautern in Germania. Stellantis, riassume Tavares,  «sta lavorando con determinazione e velocità per anticipare e supportare la transizione energetica di tutti i suoi siti industriali italiani, con l'obiettivo di garantirne la sostenibilità attraverso il miglioramento delle loro performance e per far giocare al Paese un ruolo strategico tra i principali mercati domestici del gruppo».

Il piano sarà divulgato e comunicato con un approccio graduale e al momento opportuno, ma intanto viene fatto notare come Mirafiori non fosse mai stata una possibile scelta, perché per il ruolo di gigafactory Stellantis ha puntato su impianti che producessero motori termici.  Dal territorio però si alzano voci critiche. «Questa decisione tradisce Torino. Tradisce il Piemonte, la sua storia, i suoi lavoratori, le sue Università ed in generale una terra che ha inventato l’auto, ha investito, ha rischiato. Una terra che ha un credito enorme verso questa azienda e verso questo Stato» dichiarano  così il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e la sindaca di Torino Chiara Appendino. «Oggi – continuano – ci sentiamo traditi e chi è tradito prova rabbia. Una rabbia che chi, come noi, ha responsabilità istituzionali deve trasformare in una azione. Attendiamo di avere parole chiare da Roma per capire su che basi questa scelta sia stata condivisa con il Governo. Convocheremo già domani tutte le Istituzioni piemontesi».

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
09/07/2021 05:41:34


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Tridico: “Intollerabile avere 2 milioni di lavoratori a 6 euro l’ora: subito il salario minimo >>>

Confindustria, ovazione per Draghi: “Green Pass strumento di libertà" >>>

Lavoro, in un anno di pandemia 42 mila neogenitori si sono licenziati. Il 77% sono donne >>>

Gkn, accolto il ricorso dei 422 operai licenziati via mail >>>

Smart working, Brunetta: “Tra un mese il contratto per il lavoro da remoto nella Pa” >>>

Massimo Moratti dona 1,5 milioni ai lavoratori dell’azienda di famiglia in cassa integrazione >>>

Cingolani: “Riscriviamo il metodo di calcolo delle bollette. Mitigheremo l’aumento” >>>

Smart working, pronta la bozza sul lavoro agile nella pubblica amministrazione >>>

Bollette, in Cdm un decreto per lo stop agli oneri di sistema contro gli aumenti >>>

“Taglio del cuneo fiscale e riforma dell’Irpef”: il piano di Franco per ridurre le tasse >>>