Notizie Locali Comunicati

L'ospedale di Sansepolcro deve ritornare con un reparto di rianimazione e terapia intensiva

Bisognerebbe fare un bagno di umiltà e rendersi conto degli errori commessi

Print Friendly and PDF

Cari concittadini,

ci corre l’obbligo di intervenire su una questione ampiamente dibattuta in questi ultimi tempi relativa alla sanità della nostra regione. Non esistono meriti o demeriti e non occorre celebrare chi ha fatto di più o mettere alla berlina chi ha fatto di meno. Bisognerebbe fare un bagno di umiltà e rendersi conto degli errori commessi e chiedere scusa a tutti i cittadini, in particolar modo agli anziani che, a seguito delle scelte scellerate da parte di coloro che governano la Toscana, devono subire quotidianamente dei notevoli disagi.

In questi giorni abbiamo appreso che verranno ricostituiti i distretti sanitari che cinque anni fa furono uniti in unico distretto, quello di Arezzo, Valtiberina e Casentino. Tutti abbiamo toccato con mano il fallimento di questa scelta, a causa di malfunzionamenti in tutti i dipartimenti della AUSL. Gli ospedali sono stati sottoposti a tagli di personale e macchinari (ad esempio a Sansepolcro non si effettuano più appendicectomie perché manca la rianimazione), con enormi sacrifici delle persone che viaggiano a destra e a manca per tutti gli ospedali. A livello territoriale c’è stato un taglio delle risorse per la prevenzione delle malattie, dei tecnici sanitari e dei medici di ogni ordine e grado.

Dunque, ben venga il distretto Valtiberino, ma a patto che funzioni e non sia l’ennesima “appendice” di quello di Arezzo altrimenti non serve a nulla. Ben venga anche il nuovo responsabile del distretto e che il Sindaco diventi responsabile o presidente del nuovo distretto, ma facciamo in modo che la nostra autonomia sia vera e non fittizia o, addirittura, succube di scelte fatte da altri (vedi Arezzo o Siena o addirittura Grosseto come sta accadendo ora).

Il prossimo passo politico deve essere la revisione della vecchia Ausl, la prima responsabile di tutte le cose negative sia per la popolazione, ma anche per coloro che quotidianamente svolgono il proprio lavoro.

Allora cosa si deve fare? L'ospedale deve ritornare come prima, con un reparto di rianimazione e terapia intensiva obbligatoria, in modo da far ripartire l’attività ospedaliera a pieno regime. Anche il personale andrebbe rivalutato ed aiutato, sia a livello psicologico (18 mesi di “battaglia COVID” sono sfiancanti e non ne vediamo ancora la fine) sia a livello operativo (adesso i nostri chirurghi vanno in ospedale ad operare facendo solo piccoli interventi a causa della mancanza della rianimazione). Occorre una revisione dei servizi del territorio, del dipartimento prevenzione, di quello dei tecnici sanitari ed avere personale che non debba andare a destra e sinistra per sopperire alla mancanza di personale. Ogni distretto deve avere personale in loco e in loco deve lavorare, ma questo è anche un problema dovuto all'organizzazione di questa Ausl troppo grande e ingestibile che va da Sestino all'isola del Giglio.

 

                                                                                   Il Coordinamento NOI per Sansepolcro

Redazione
© Riproduzione riservata
23/07/2021 16:48:21


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Polcri inizia dalla bottega Robertino di Motina: con i cittadini voglio fortificare il dialogo >>>

Lista “Adesso Laurenzi Sindaco”: ci siamo presentati alla città, ora al lavoro su temi concreti >>>

Servizi scolastici aggiuntivi: annunci… ma per la Tanti, soluzioni nulle >>>

M5S: parliamo di Fondi europei con il Vicepresidente del Parlamento Europeo >>>

Luca Canonici: un punto del mio programma se diventerò il sindaco di Montevarchi >>>

In E45 nuova pavimentazione e lavori in galleria: chiuso lo svincolo di Bagno di Romagna >>>

Opere pubbliche, al Comune di Umbertide finanziati lavori per circa 2 milioni di euro >>>

Al via i lavori di realizzazione del nuovo percorso culturale delle mura di Anghiari >>>

Bruzzone a Città di Castello: l’appuntamento con i cacciatori è per lunedì 20 settembre >>>

La Lega di Cortona continua a perdere i pezzi, anche Luca Ghezzi passa con Fratelli d'Italia >>>