Notizie Locali Attualità

La centrale nucleare nell’aretino, autorizzato il primo impianto in Italia

Marzi rassicura: “Nessun impatto ambientale. Gli ingegneri hanno calcolato tutto”

Print Friendly and PDF

Il nucleare italiano nascerà in Valtiberina, grazie a una geografia eccezionale con territorio pianeggiante poco urbanizzato in prossimità di un bacino enorme di acqua per raffreddamento, e a due visionari ingegneri di Sansepolcro e Pieve che pur essendo attualmente dipendenti di multinazionali aliene all’argomento hanno perfezionato un progetto di cui l’assessore Marzi si è fatto foriero presso il ministero delle infrastrutture.

Dopo una meticolosa analisi in commissione, pare che Matteo Salvini abbia già fatto trapelare un entusiastico benestare che sarà oggetto di una sontuosa conferenza stampa.

L’impianto si estenderà per 6 ettari prossimi alla località “Casa Bianca” - dove l’omonimo edificio verrà senza rimpianti fatto brillare - su terreni attualmente agricoli di un ex sindaco che fiducioso dei progettisti acconsentirebbe a un esproprio, a prezzi “equi” tuttavia.

Uno “Small Modular Reactor” prodotto da NuScale (con collaborazione di Ansaldo Nucleare) da 250MW coprirà abbondantemente il fabbisogno delle quattro valli aretine; la modularità degli SMR permette la costruzione presso l’industria madre, schedulata da fine ‘27 a Rostock in Germania est, e il suo trasporto in valle solo al momento dell'installazione.

Il costo è stimato in 800 milioni ed è a carico del territorio, ma fin dalla data di inaugurazione prevista il 27.9.2029 le aziende e le abitazioni valtiberine si dimenticheranno delle bollette di elettricità e metano perché l’energia verrà distribuita gratuitamente.

L’indotto economico e culturale riporterà Sansepolcro non solo ad essere la seconda città della Toscana per avanguardia come nel ‘400, ma addirittura il suo primo polo industriale.

“Naturalmente abbiamo parlato con il Capitano anche della gestione di prevedibili proteste degli ambientalisti” rassicura Riccardo Marzi “e non vi è alcun dubbio che i due ingegneri, purosangue valtiberinj cresciuti nelle campagne e nei boschi, abbiano non solo annullato gli impatti ambientali, ma addirittura migliorato il territorio stesso”.

L’assessore si riferisce a lavori accessori quali l’innalzamento della diga di 12m incanalando il nuovo gradiente termico a fomentare tramontane memorabili, e al ripristino delle temperature storiche del Tevere, con le acque tiepide di raffreddamento reimmesse nell’alveo all’altezza di Santa Fista: esse riporteranno il barbo nel suo habitat, scomparso per il freddo con la diga stessa.

L’entusiastico politecnico di Milano sta per stanziare 20 milioni per un distaccamento del nucleare sotto il rettorato del luminare ing. tov. Anatolj Djatlov,  allocato nell’attuale scuola media Buonarroti con la nuova energia che colmerebbe le note falle nel riscaldamento lasciate dalle amministrazioni precedenti.

Questa notizia non corrisponde a verità...é un bel PESCE D'APRILE

Redazione
© Riproduzione riservata
01/04/2024 11:34:45


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Sestino, impegno e progettualità per una crescita costante >>>

Tim Burton dietro la cinepresa e la fidanzata Monica Bellucci dall'altro lato >>>

Trasferta in Paraguay per il Gruppo Sbandieratori di Sansepolcro: un ritorno dopo 10 anni >>>

Una stella della matematica casentinese alle finali di Milano >>>

La Giostra del Saracino di Arezzo si dota di un nuovo logo >>>

A Bilbao riconfermato presidente dei Beccacciai Europei l’anghiarese Paolo Pennacchini >>>

La Gioconda, gli esperti litigano sul paesaggio: non è Ponte Buriano ad Arezzo >>>

Anche Caprese Michelangelo vuole la presenza programmata del pediatra >>>

I 100 anni di Giuliana Pecchi a Villa Fiorita >>>

Vinti 117mila euro al Superenalotto in una ricevitoria di Gubbio >>>