Notizie dal Mondo Cronaca

Scoperta tratta di migranti in Portogallo, 40 arresti

Almeno 50 mila persone sfruttate nelle campagne dell'Alentejo

Print Friendly and PDF

Massiccia operazione della Polizia giudiziaria portoghese nelle campagne dell'Alentejo, la regione del Portogallo meridionale famosa per il latifondo durante la dittatura di Salazar e dove oggi è sempre più diffuso il caporalato, il lavoro nero e lo sfruttamento di manodopera migrante in agricoltura. Gli investigatori hanno scoperto, dopo circa un anno di indagini, una rete dedita alla tratta di immigrati, eseguendo una quarantina di arresti di cittadini portoghesi e stranieri, soprattutto di nazionalità romena, con l'accusa di associazione a delinquere, traffico di esseri umani e riciclaggio. La rete aveva come centro operativo la provincia di Beja e funzionava ai danni di lavoratori agricoli provenienti da Romania, Moldavia, Senegal, Marocco, Algeria, India e Pakistan. Nella maggior parte dei casi questi lavoratori venivano attratti negli stessi Paesi di provenienza attraverso propaganda falsa e poi costretti a vivere e lavorare in condizioni di semi-schiavitù, senza alcun tipo di regolarizzazione di contratti o documenti di identità. Secondo dati recenti e comunque approssimati per difetto trattandosi in larga parte di lavoro nero, sarebbero circa 50 mila i lavoratori immigrati impiegati nell'agricoltura portoghese, la maggioranza dei quali impiegati in Alentejo, dove si stanno estendendo a macchia d'olio le coltivazioni in serra. Le loro precarie condizioni di vita sono note da tempo e avevano occupato le prime pagine dei giornali nel 2020, durante il primo periodo di confinamento a causa della pandemia, quando si erano verificati diversi focolai di contagio nelle loro abitazioni sovraffollate. Ma quella resa nota oggi viene definita dalla stampa portoghese come una delle più grandi operazioni di polizia giudiziaria degli ultimi tempi.

Redazione
© Riproduzione riservata
24/11/2022 05:47:07


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Iran, allenatrice di pallavolo condannata a morte per le proteste >>>

Afghanistan: esplosione in scuola coranica, 16 morti >>>

La Spagna vieta gli stereotipi di genere nelle pubblicità dei giocattoli >>>

Spagna: sequestro record di 5,6 tonnellate di cocaina nel porto di Valencia >>>

Cina, morto a 96 anni l’ex presidente Jiang Zemin >>>

Usa, rapita a 2 anni nel 1971 e ritrovata grazie al Dna >>>

Bielorussia, l’attivista Maria Kolesnikova in carcere è stata ricoverata in terapia intensiva >>>

Patrick Zaki: “Spero che questo incubo finisca. Voglio tornare a studiare in Italia” >>>

Repubblica Centrafricana, aereo straniero bombarda truppe e paramilitari del gruppo Wagner >>>

Cina, proteste anti lockdown da Pechino a Shanghai: “Via il dittatore Xi Jinping” >>>