Ambiente Clima

L’anidride carbonica in atmosfera non sarà più un problema, scoperto come trasformarla in etanolo

Così sarà possibile diminuire anche la dipendenza dai combustibili fossili

Print Friendly and PDF

Un team di ricerca internazionale, che vede in prima linea l’università Statale di Milano e quella di Toronto, potrebbe aver trovato la soluzione al problema dell’anidride carbonica da scarto, prodotta dal settore dell’autotrasporto e in altre attività industriali. Il gas, la cui concentrazione in atmosfera supera del 40 per cento il livello registrato agli inizi dell’era industriale, è responsabile del 63 per cento del riscaldamento globale di origine antropica. Il problema, fino a questo momento considerato quasi insormontabile, potrebbe trovare soluzione grazie allo studio “High carbon efficiency in CO-to-alcohol electroreduction using a CO reservoir”, pubblicato sulle pagine della rivista scientifica Cell - Joule.

Liberi dai combustibili fossili

L’equipe internazionale, che ha visto la partecipazione anche di scienziati della Northwestern University di Chicago e dell’Istituto di scienze e tecnologie chimiche “Giulio Natta” (Cnr-Scitec), ha trovato il modo di trasformare la Co2 in etanolo. Questo, hanno evidenziato i ricercatori, risulta essere un prodotto commerciale ad alto valore aggiunto e basso impatto ambientale, da impiegare come combustibile o anche come solvente. La trasformazione è stata possibile grazie a processi elettrocatalitici.

Come funziona la trasformazione della CO2

“Il riciclo e la valorizzazione dell’anidride carbonica – ha spiegato il coordinatore del progetto, Ivan Grigioni, ricercatore Dipartimento di chimica dell’università degli Studi di Milano - avviene convertendo prima la CO2 a monossido di carbonio (CO), e poi mettendo in contatto CO, acqua, elettricità rinnovabile e un materiale catalitico che facilita l’integrazione di questi ingredienti. Gli scienziati hanno sviluppato materiali progettati con precisione nanometrica che permettono di utilizzare CO2 e CO convertendole selettivamente in etanolo, che è un combustibile liquido facile da trasportare e con svariate applicazioni su larga scala come solvente o nella produzione di etilene (la materia prima più largamente utilizzata). Il processo avviene ad alta efficienza energetica compatibile con applicazioni industriali”.

Ma ci sono ancora dei problemi

La nuova tecnica sarà fondamentale anche per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili. “Questo approccio – conclude Grigioni - contribuisce a diminuire la nostra dipendenza dai combustibili fossili e ha la potenzialità di essere trasferita nella realtà industriale. Tuttavia, occorrono materiali efficienti e selettivi per rendere il processo economicamente vantaggioso”.

Notizia tratta da Tiscali.it
© Riproduzione riservata
07/10/2023 18:46:28


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Clima

Trenta compagnie europee responsabili del 50% delle emissioni inquinanti prodotte in tutta l’Ue >>>

L’anidride carbonica in atmosfera non sarà più un problema, scoperto come trasformarla in etanolo >>>

Arrivano dalla Cina le nuove finestre fotovoltaiche >>>

Rivoluzione in vista per il settore fotovoltaico >>>

I cambiamenti climatici minacciano l’uomo e anche il nuovo nucleare >>>

Il riscaldamento climatico sta trasformando profondamente le Alpi italiane >>>

Siccità, è allarme in Italia: ecco che cosa fare per non avere problemi con l'acqua >>>

Alluvioni, siccità e incendi: l'effetto serra colpisce più l'Europa che il resto del mondo >>>

Un virus rilevato in Cina minaccia la produzione mondiale di riso >>>

Il Mediterraneo invaso dai pesci esotici: 200 nuove specie in 130 anni >>>