Notizie Locali Economia

Gal Alta Umbria: presentato il Piano di Azione Locale

Trasmesso alla Regione il nuovo Piano di Azione Locale per il periodo 2024-2027

Print Friendly and PDF

Il 6 novembre scorso il GAL Alta Umbria ha trasmesso alla Regione il nuovo Piano di Azione Locale per il periodo 2024-2027. Nel rispetto delle direttive comunitarie il Piano dovrebbe essere approvato entro la fine dell’anno.

Le risorse disponibili sono minori che in passato, anche perché la programmazione è concentrata in quattro anni invece che nel consueto settennato.  Per queste ragioni l’obiettivo principale è stato quello di utilizzare le risorse disponibili nella maniera più efficace possibile incentrando il Piano sull’aggregazione dei potenziali beneficiari e sulla creazione di reti di impresa.

I progetti rivolti alle imprese saranno infatti orientati a favorire la creazione di reti tra imprese dello stesso settore e perfino aggregazioni multisettoriali. I comparti maggiormente interessati saranno quelli del turismo e dell’artigianato (progetto ECONET) e ovviamente quello agricolo (progetto Comunità Inclusione Benessere Opportunità).

Per quanto riguarda gli enti pubblici le risorse disponibili sono state collocate in un’unica azione “contenitore” (progetto Recupero di Edifici e Sviluppo di Iniziative Locali Innovative ed Ecosostenibili Nelle Zone Appenniniche) che ha come obiettivo principale la lotta allo spopolamento del territorio.

Attraverso il progetto RESILIENZA i Comuni beneficiari potranno attuare:

-          progetti finalizzati al recupero e alla riqualificazione di edifici pubblici per la creazione di servizi alla popolazione e/o ai turisti;

-          iniziative di promozione del territorio finalizzate a valorizzare le più importanti manifestazioni folcloristiche e culturali.

“E’ stato un percorso lungo e complesso – afferma il Presidente del GAL Mirco Rinaldi – ma alla fine siamo molto soddisfatti perché metteremo in campo una serie di azioni in grado di avviare processi di sviluppo integrati che favoriranno la massima aggregazione tra soggetti pubblici e privati. Le risorse probabilmente non sono sufficienti per le aspettative del territorio ma saremo in grado di mettere in campo dei validi esempi progettuali che potranno essere implementati anche attraverso le risorse SNAI o quelle del PNRR”.

Nelle prossime settimane la Regione Umbria completerà le procedure di istruttoria del Piano e, in caso di accoglimento della proposta, entro il primo semestre del 2024 potrebbero già partire i primi interventi.

Nell’attesa dell’avvio della nuova programmazione il GAL sta completando le rendicontazioni dei progetti pubblici e privati relativi al vecchio Piano e portando avanti gli ultimi interventi a regia diretta. “E’ un periodo molto complesso – continua Rinaldi – dato che si sovrappongono l’avvio della nuova programmazione con la chiusura della vecchia. Nonostante tutto stiamo progettando un intervento molto importante (Alta Umbria Food) per valorizzare le produzioni agroalimentari e per favorire la creazione di aggregazioni tra le imprese locali. Purtroppo il bando ministeriale rivolto ai Distretti del Cibo non è uscito o comunque uscirà in ritardo rispetto alle aspettative, pertanto stiamo tentando di ovviare alla problematica attraverso le risorse proprie del GAL”.

Redazione
© Riproduzione riservata
14/11/2023 10:20:12


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Ecco "Lo Sbaracco" a Sansepolcro: in centro lo sconto dello sconto >>>

Massimo Guasconi confermato Presidente di Unioncamere Toscana >>>

Auto: l’usato riconquista l’Umbria e torna nel 2023 con il segno positivo >>>

Agricoltura, 29 bandi da 245 milioni: approvato cronoprogramma 2024 dalla Regione Toscana >>>

Caos smaltimento rifiuti verdi "I centri specifici Nelle vallate scarseggiano" >>>

Consorzio Vino Chianti, gennaio in crescita del 21 per cento >>>

Ferrer Vannetti è il nuovo presidente di Confartigianato Imprese Toscana >>>

Prezzi bassi e folli UE: Coldiretti Arezzo prosegue gli incontri con le imprese agricole >>>

Risultati positivi nel 2023 per la Banca di Anghiari e Stia >>>

Apicoltura, novanta professionisti riuniti a Umbertide per sviluppare la loro attività >>>