Rubrica Gossip

Paoli, il tradimento della Sandrelli con Tenco e il suicidio: "Io tentai, lui si sparò per imitarmi"

Alla soglia dei 90 anni il cantautore torna sui fatti più drammatici e dolorosi della sua vita

Print Friendly and PDF

Quando gli anni sono quasi 90 puoi permetteti di tutto, di dire proprio tutto. E Gino Paoli non trattiene più niente. In una lunga e ricchissima (di temi) intervista concessa al Corriere della Sera ripercorre e fra i molti ricordi rispolverati si sofferma sul triangolo che unì, sconvolse e divise lui, Stefania Sandrelli e Luigi Tenco. Proprio quella che ai tempi di Sapore di sale era la sua giovanissima donna, con colui che era fra i suoi amici più stretti. Un fatto che modificò a lungo i rapporti fra i tre, fino al tentato suicidio di Paoli e a quello purtroppo riuscito di Tenco durante il Sanremo del 1967. Non tutto dipese da quel tradimento e dalla conseguente rottura, come vedremo meglio.

La telefonata di Luigi: "Sono a letto con Stefania"

Nell'intervista Gino Paoli ripercorre così il triangolo fra lui, Stefania Sandrelli e Luigi Tenco. "Luigi mi telefonò: 'Sono a letto con Stefania'. La presi malissimo e ruppi con entrambi. Quella telefonata nasceva...da un senso di protezione. Tenco era legatissimo alla mia prima moglie, Anna. Era il suo modo di dirmi che Stefania non era la donna giusta per me". Paoli non conferma che il suo tentato suicidio fosse così direttamente dettato dal tradimento della sua ragazza con il migliore amico, perché "quello accadde dopo", ma ammette che il suo tentato suicidio ispirò Tenco a spararsi, come in una emulazione fra amici.

La pallottola ferma vicino al cuore

Nella sua ricostruzione del tentativo di uccidersi nel 1963 Paoli dice: "Provo con i barbiturici, il Nembutal, annaffiati di Calvados, non mi fanno niente". L'idea di gettarsi dalla finestra lo spaventava per ciò che avrebbe poi trovato la madre. Poi il ricordo di avere due pistole, il primo colpo di prova contro un grosso libro, quindi l'idea di sdraiarsi sul letto e sparare al cuore. Il proiettile si è fermato nel pericardio e tiene compagnia a Paoli da una vita. Ma questo episodio, a dire di Gino Paoli, ispirò Tenco all'emulazione quattro anni dopo. "Un colpo di teatro non riuscito". Secondo il cantautore, l'amico si sarebbe sparato con l'ambizione di restare vivo, e questa idea potrebbe essere stata concepita sotto l'effetto di un nuova droga arrivata dalla Svezia, "il Pronox che ti dava un senso di sdoppiamento come se non fossi più responsabile di te stesso". Ma Tenco morì. Paoli è rimasto per anni schiavo di droghe sempre più pesanti, poi dell'alcol (una bottiglia al giorno di whisky). Solo con Ornella Vanoni ammette di aver capito cosa fosse il vero amore e il sesso fatto bene, con sentimento e trasporto: "Prima andavo a letto con chiunque respirasse". 

 

Notizia tratta da tiscali.it
© Riproduzione riservata
21/12/2023 08:00:00


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Gossip

Nuova storia d'amore fra Sonia Bruganelli e il ballerino Angelo Madonia >>>

Ilaria D'Amico e Gigi Buffon come Sandra e Raimondo >>>

Ambra-Renga, grande passione e grande dolore: "Ci siamo ritrovati, questo è un amore folle" >>>

Ema Stokholma e il corpo da rifare: "Ho sbagliato, rimediare fa male e costa un botto" >>>

Belen e la storia d'amore a pezzi con Lorenzoni: "Lo ha fatto fuori mia madre" >>>

Mara Maionchi senza filtri, dal sesso abat-jour alla stoccata al veleno contro Tiziano Ferro >>>

Rossella Brescia imita Mara Venier e commenta la fine della storia con Luciano Cannito >>>

Da modella e showgirl a opinionista top di destra fra tv e giornali: l'ascesa di Hoara Borselli >>>

Patty Pravo, l'amore e i tradimenti >>>

Pelù, i 10 mesi di buio e la confessione: "Ero in depressione, ho sputato l'anima" >>>