Orto & Giardino Frutti

Lavori nel frutteto ad ottobre

Rimuovere i frutti mummificati

Print Friendly and PDF

l mese di ottobre segna l’arrivo del periodo autunnale in gran parte del territorio italiano. Qualche zona è soggetta ancora a temperature piuttosto miti ma piogge e primi freddi sono prevalenti nella maggioranza dei casi.

I lavori da fare riguardano in modo particolare la raccolta dei frutti come il melo e il pero. Meno frequenti saranno le operazioni di irrigazione che dovranno essere dosate in base al numero e la quantità di precipitazioni. Diverse saranno le piante che andranno potate in questo periodo prima dell’entrata in riposo vegottotto

Le operazioni che non mancano mai e che vanno praticate in modo costante sono i trattamenti antiparassitari che a volte fanno la differenza tra un buon raccolto o una perdita massiccia.

Nel mese di ottobre non si effettua la messa a dimora di nuove piante, si possono però iniziare delle lavorazioni al terreno in vista di un nuovo impianto. Se si devono rinnovare colture già esistenti nei primi giorni del mese se il tempo permette si devono iniziare le operazioni di espianto. Eliminate tutte le vecchie piante, assicurandosi di non lasciare alcuna vecchia radice nel terreno si può procedere ad una lavorazione di fondo e ad una concimazione se il terreno ne avesse bisogno.

I terreni sfruttati intensamente possono essere lasciati a riposo per qualche anno, si consiglia comunque la coltivazione di specie di leguminose e di altre piante che poi serviranno per l’operazione di sovescio.

Per chi ha necessità di coltivare subito nuovi fruttiferi è bene comunque apportare una generosa quantità di letame animale ben maturo, in genere si usano 35-40 quintali per ogni ettaro di terreno.

Un operazione importante spesso trascurata dai piccoli agricoltori è la rimozione dei frutti mummificati facilmente riconoscibili, questi frutti sono stati colpiti da monilia. Vanno rimossi poiché su di essi sverna il fungo parassita che continuerà la sua azione nella primavera successiva. Per ulteriori dettagli è possibile fare riferimento alla scheda nella sezione malattie e parassiti.

Alla metà del mese di ottobre sarà necessario praticare un trattamento con poltiglia bordolese in modo da contrastare un eventuale infezione da batteriosi molto pericolosa per questa tipologia di piante. L’intervento va fatto sulle piante di pesco, albicocco e nettarina e serve anche come prevenzione contro la bolla per il pesco e contro il corineo.

Redazione
© Riproduzione riservata
01/10/2018 10:30:21


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Frutti

Cosa fare nel frutteto ad Agosto? >>>

Operazioni da fare nel frutteto in questo periodo >>>

Lavori nel frutteto >>>

Lavori nel frutteto di marzo >>>

Albero di melo: clima, terreno, impianto >>>

Il mirtillo >>>

Quando piantare le piante da frutto >>>

Coltivazione delle piante da frutto: vaso o radice nuda? >>>