Notizie Locali Economia

Un olio umbro é il più buono del mondo

Il “Dop Umbria Riserva Marfuga” è l’olio extravergine d’oliva premiato

Print Friendly and PDF

La Flos Olei 2020 é la prima guida a respiro internazionale dedicata alle aziende di produzione olearia di tutto il mondo e al loro olio extravergine di oliva selezionato. Le recensioni sono eseguite con criteri di assoluto rigore, da un gruppo di esperti assaggiatori coordinato da Marco Oreggia, editore e curatore del volume. La guida ha premiato il “Dop Umbria Riserva Marfuga” come l’olio extravergine d’oliva più buono del mondo. “Flos Olei, nel nostro settore, è considerata la più importante pubblicazione a livello globale.’ una sorta di atlante olivicolo che recensisce ben 500 aziende d’eccellenza provenienti dai 5 continenti, per un totale di 53 Paesi”, ha spiegato Francesco Gradassi, titolare dell’azienda agraria Marfuga di Campello sul Clitunno.

Redazione
© Riproduzione riservata
16/11/2019 08:58:21


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Francesco Magni è il nuovo Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Arezzo >>>

Cortona, allarme per alberghi e strutture ricettive >>>

Quale futuro per l'occupazione ad Arezzo? >>>

Tabacco in Altotevere: una eccellenza che garantisce sostenibilità ambientale, sociale ed economica >>>

Gli “archimedi” del lockdown: in due mesi realizzato “futura steryl king” >>>

Il biturgense Patrizio Giorni eletto nella segreteria nazionale della Fai Cisl >>>

Assemblea Banca Valdichiana: ufficializzato l’avvio del processo di fusione con Banca Tema >>>

Ubi Banca sigla una partnership con Finleap Connect >>>

"Il 2019 è stato un anno significativo per la Banca di Anghiari e Stia" >>>

Fiera Antiquaria di Arezzo al Prato: ecco le ragioni del no >>>