Notizie Locali Comunicati

Viabilità a Trestina, disagi su traffico e manti stradali

Interpellanza presentata dal consigliere Vittorio Vincenti di Tiferno Insieme

Print Friendly and PDF

La situazione del traffico e dei manti stradali a Trestina richiede un confronto in commissione Assetto del Territorio per il consigliere di Tiferno Insieme Vittorio Vincenti, che ha presentato una interpellanza per sollecitare il sindaco Luciano Bacchetta e il presidente del consiglio Vincenzo Tofanelli a convocare l’organismo “per esaminare la proposta presentata oltre un anno fa per una soluzione al problema del traffico nella frazione”. Il rappresentante della minoranza domanda “se l’amministrazione comunale intende sollecitare la Provincia al restauro dei fondi stradali delle due provinciale che attraversano l’abitato” e chiede di conoscere “un cronoprogramma degli interventi sulle suddette strade provinciali in ambito urbano, compresi quelli di rifacimento delle strisce pedonali”. Per Vincenti è opportuno anche che venga presentato “un resoconto dettagliato della polizia municipale su quanti controlli sono stati effettuali a Trestina da parte di vigili urbani nel 2019 ed eventualmente quante sanzioni sono state elevate in tutto l’abitato, comprese violazioni di transiti non autorizzati e/o parcheggi non regolari” e che venga reso noto “quali sono i controlli programmati da parte del corpo dei vigili urbani per l’anno a venire, circa transiti di mezzi pesanti non autorizzati e rispetto delle regole dei parcheggi su tutta la frazione”. Nell’ambito dell’approfondimento delle questioni riguardanti la viabilità di Trestina per Vincenti sarebbe anche necessario “risollecitare RFI circa la promessa rimozione delle traverse ferroviarie presso la stazione”, a oltre un mese dall’impegno assunto dalla stessa società. Nel richiamare l’attenzione sulla mozione che presentò in consiglio comunale nell’ottobre del 2018 per proporre una soluzione al transito di mezzi pesanti nel centro dell’abitato di Trestina, Vincenti evidenzia come da gennaio 2019, quanto fu deciso in consiglio comunale di portare la discussione sulla questione nell’organismo consiliare preposto, si attenda la convocazione della commissione Assetto del Territorio “con la presenza della Provincia, sezione gestione dei trasporti, per discutere la proposta”. Rispetto alla problematica del persistente attraversamento dell’abitato da parte dei veicoli adibiti al trasporto merci (documentato con alcune foto nell’interpellanza, ndr), il consigliere di Tiferno Insieme segnala che “esiste un divieto di transito dei mezzi pesanti sulla SP 105 ed esiste una variante ben segnalata e con spazi di manovra congrui a qualsiasi mezzo standard che passa attraverso viale Grecia e viale Brasile”. Vincenti rimarca che la criticità rappresentata si somma allo “stato del fondo stradale dei tratti provinciali, che è in condizioni disastrose”. “Le ormaie e le fessurazioni diffuse sulla pavimentazione ammalorata e invecchiata danno adito all’apertura di vere e proprie voragini in caso di ogni evento atmosferico”, osserva l’esponente della minoranza, nel far presente che “tale stato delle strade aumenta in maniera consistente il rumore delle autovetture e dei mezzi con arreco di disturbo acustico notevole per i frontisti”, mentre “la segnaletica orizzontale, quali strisce di delimitazioni stradali e strisce pedonali, è pressoché scomparsa dalle strade per obsolescenza”. Quanto ai controlli, Vincenti rileva che “i vigili urbani sono presenti presso la frazione di Trestina solamente durante l’orario mattutino nei pressi dei plessi scolastici” e che “si ricorda a memoria degli abitanti che i vigili urbani nel 2019 sono stati visti dentro il centro abitato solamente due volte nel periodo estivo per controllare i transiti presso viale Parini”. “La sicurezza stradale è importate e i cittadini di Trestina non sono cittadini di serie B perché le strade centrali sono curate dall’amministrazione provinciale che stenta a fare le dovute manutenzioni”, puntualizza Vincenti, nel ribadire che “i transiti dei mezzi pesanti sono sempre pericolosi” e che “la presenza di controlli da parte dei vigili urbani potrebbe scongiurare tali transiti, peraltro non autorizzati essendo la segnaletica orizzontale già presente”.

Redazione
© Riproduzione riservata
20/01/2020 18:06:34


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Coronavirus a Città di Castello, 2 nuovi positivi e altre 62 quarantene >>>

Arezzo, la presidente della provincia ricorda le vittime dell'epidemia >>>

Coronavirus: grande lavoro da parte del sindaco di Arezzo Ghinelli >>>

Coronavirus in Umbria, 1078 i positivi ma cresce il numero dei clinicamente guariti >>>

Argine groviera lungo il Vingone ad Arezzo: chiuse le tane dei roditori >>>

A Sansepolcro 83mila euro per pacchi alimentari alle famiglie in difficoltà >>>

Cordoglio dell'amministrazione comunale di Sansepolcro per la morte di Marco Alfano >>>

Tra ospedale e territorio contro il Covid-19, la visita di Rossi nell’Aretino >>>

Perugia: riunione in Prefettura del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica >>>

Covid-19, il sindaco Cornioli: "Due collegati e catene note e un operatore sanitario" >>>