Notizie Locali Economia

La Valtiberina fa i conti con l'emergenza Covis-19, il punto con le aziende

Baschetti: "Calo del 60%". Biturgia Travel: "Siamo in assenza di prenotazioni future"

Print Friendly and PDF

Se nei primi mesi del 2019 l’emergenza in Valtiberina era di tipo infrastrutturale con la chiusura del viadotto Puleto in E45, nel 2020 i problemi sono di carattere sanitario con l’emergenza Coronavirus; problemi con risvolti anche di carattere nazionale. Eccome. Turismo ed economia più in generale rischiano di essere messe in ginocchio. Abbiamo toccato vari settori, raccogliendo testimonianze e prime percentuali di ammanco da parte di importanti realtà della Valtiberina. “E’ una tragedia, dal momento che abbiamo saputo che pure l’Italia è focolaio di questa infezione, nell’immediato ci sono state tutte le disdette del turismo scolastico e nei giorni successivi quelle di privati, parrocchie e aziende che organizzavano meeting”. E’ il commento di Paolo Baschetti, uno dei titolari della Baschetti Autoservizi di Sansepolcro; realtà con quasi cento anni di storia alle spalle. “Per noi attualmente è un calo del 60 per cento sulla nostra attività lavorativa – continua – questo era il periodo di maggiore lavoro: marzo, aprile e maggio; lavoro determinante e vitale che lo abbiamo perso nell’arco di pochi giorni”. Ma c’è qualcuno che ha avuto anche un atteggiamento più morbido nei confronti dell’Italia: lo spiega l’altro titolare, Michele Baschetti. “Intanto voglio dire che ad oggi abbiamo avuto delle perdite, quindi mancato lavoro e di conseguenza fatturato, per circa 50mila euro. Il cliente italiano è terrorizzato, quindi anche gli adulti che vanno a mangiare il pesce oppure nei musei, disdicono tutto; invece, abbiamo degli atteggiamenti diversi da parte di grosse agenzie straniere. Per esempio noi ne serviamo una portoghese con clienti brasiliani, i quali ci hanno confermato i tour nel mese di marzo però limitandoli territorialmente ed escludendo l’Italia del Nord. Quindi il tour che doveva partire da Milano e terminare a Palermo, per noi inizierà da Roma e finirà in Sicilia: questo è quanto”. Rimanendo nel turismo il termometro della situazione è affidato a Luisa Dori, titolare dell’agenzia viaggi Biturgia Travel. “Da un paio di settimane abbiamo avuto una gestione del problema in agenzia davvero difficoltosa: clienti che avevano prenotato per varie località, perché il problema è nelle molteplici destinazioni che in questo momento sono davvero chiuse, hanno dovuto disdire. Ma sarà anche nelle prossime partenze che dovremo gestire, vista la chiusura pure degli Stati Uniti. I clienti che devono partire ad aprile sono già preoccupati. Per quello che riguarda il discorso delle perdite occorre fare una distinzione – conclude - prima di tutto il mancato guadagno causato dalle pratiche annullate, poi in questo periodo si programma Pasqua, ponti e l’estate: quindi, per il mancato guadagno siamo intorno al 30 o 40 per cento, mentre per le prenotazioni future siamo praticamente in assenza”. Parola anche all’ingegner Albano Bragagni, presidente di Tratos: realtà di Pieve Santo Stefano che lavora molto con l’estero. “Ancora per la verità non abbiamo avuto risvolti importanti: l’unica cosa notata è un forte rallentamento degli ordini provenienti dalla Cina; in questo momento stiamo compensando tale perdita con altri mercati. L’atteggiamento dell’Europa mi è sembrato piuttosto maturo: noi viaggiamo molto con Spagna e Inghilterra e non abbiamo avuto ripercussioni”.

Redazione
© Riproduzione riservata
09/03/2020 09:31:30


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Incrementi di fatturato per alcune aziende della provincia di Arezzo con il Covid-19 >>>

La denuncia di Confartigianato Arezzo: un click day farsa, spariti subito i fondi per le imprese >>>

Città di Castello: è "Genesys" l'ultima realizzazione della Cmc di Giuseppe Ponti >>>

La provincia di Arezzo vuole cedere le quote del trasporto pubblico: NO GRAZIE! >>>

Confesercenti Arezzo, l’allungamento del mercato in zona Giotto non deve durare più di due edizioni >>>

Dopo le riaperture scattano gli aumenti: andare dal parrucchiere può costare il 30% in più >>>

“Ripartenza? Ora occorre carburante vero, altrimenti rischiamo grosso” >>>

Il mercato ad Arezzo torna alla normalità con tutti i suoi banchi >>>

Valdichiana, appello ai sindaci per sostenere le imprese >>>

Gli imprenditori non sono untori. No alla responsabilità penale se il lavoratore si ammala >>>