Notizie dal Mondo Attualità

Ursula von der Leyen: “Italia scusa per i ritardi, ma ora l’Europa c’è”

“Ora l’atteggiamento degli Stati è cambiato: tanti aiuti al vostro Paese”

Print Friendly and PDF

Il tempo delle polemiche è finito. Ora è tempo di chiedere scusa. Per chi non credeva a quello che si diceva che stesse avvenendo, per chi non perdeva tempo per criticare, per chi non ha mosso un dito. Per tutti, nessuno escluso, è tempo di chiedere ufficialmente scusa all’Italia. La presidente della Commissioen europea, Ursula von der Leyen, dà l’esempio. Nel suo intervento in un’Aula del Parlamento UE deserta a causa del Coronavirus, fa ammenda. «Sì, è vero che nessuno era davvero pronto per questo, ed è anche vero che troppi non c’erano quando l'Italia aveva bisogno di una mano all'inizio» di questa pandemia. «E per tutto questo è giusto che l'Europa nel suo insieme offra sincere scuse». Von der Leyen riconosce i limiti dell’Europa e dei suoi Stati nella gestione di una crisi non percepita come tale. «C'è voluto molto tempo perché tutti capissero che dobbiamo proteggerci a vicenda», e già questo è qualcosa di imperdonabile. Ma una volta compresa la situazione «la verità è che l'Europa è diventata il cuore pulsante della solidarietà del mondo». Ora, dato che «chiedere scusa conta qualcosa se si cambia comportamento», la presidente dell’esecutivo comunitario offre esempi concreti di come in Europa ci sta già facendo perdonare dall’Italia e dagli italiani. «Paramedici polacchi e i medici rumeni salvano vite in Italia, i pazienti di Bergamo vengono portati in aereo nelle cliniche di Bonn, e abbiamo visto respiratori essere trasferiti dalla Danimarca all'Italia».

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
16/04/2020 13:37:09


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Nobel per la Chimica a Charpentier e Doudna, le donne che hanno riscritto il codice del Dna >>>

Il Nobel per la fisica diviso tra Penrose, Genzel e Ghez >>>

Il Nobel per la Medicina agli scopritori del virus dell’epatite C >>>

Uno studio può cambiare tutto: "Malati Covid? Non contagiano >>>

Libano-Israele, colloqui diretti per i confini marittimi >>>

Svolta nella ricerca: lesioni spinali riparate con le staminali del midollo >>>

Usa, nominata la giudice anti aborto: Trump blinda la Corte Suprema >>>

Patto migranti, Commissione Ue: alleggeriremo il peso sui Paesi di primo ingresso >>>

Usa: alla Casa Bianca la firma dell'accordo tra Israele, Emirati e Bahrein >>>

Microsoft battuta: TikTok negli Usa ha scelto Oracle >>>