Sport Mondiale Automobilismo (Mondiale)

Hamilton: “La F1 è razzista, io vedo chi non denuncia”

Il pilota della Mercedes condanna il silenzio sull’omicidio Floyd a Minneapolis

Print Friendly and PDF

«So chi siete e vi vedo». E’ durissimo il j’accuse di Lewis Hamilton ai colleghi piloti, alla Formula 1 e all’intera industria dell’auto che tacciono di fronte alla morte di George Floyd, l’afroamericano disarmato ucciso da un poliziotto a Minneapolis. Il sei volte campione del mondo della Mercedes aveva preso posizione contro il razzismo fin dal suo esordio nel mondo dei motori, «uno sport dominato dai bianchi», ma stavolta il tono della sua protesta si estende a coloro che corrono in pista con lui in giro per il mondo, virus permettendo. «Io vedo quelli di voi che stanno zitti, le più grandi star che tacciono di fronte all’ingiustizia - scrive Hamilton su Instagram -. Non un segno da parte di nessuno nella mia industria, che ovviamente è dominata dai bianchi. Io sono ancora l’unico nero qui. Pensavo avreste capito come mai questo succede e avreste detto qualcosa, ma voi non potete stare al nostro fianco. Solo ricordate: io so chi siete e vi vedo...». 

Floyd, afroamericano di 46 anni, è morto a Minneapolis il 25 maggio dopo che l’agente di polizia Derek Chauvin è rimasto inginocchiato sul suo collo per otto minuti e 46 secondi. L’episodio ha incendiato l’America e spinto le più grandi star dello sport, da Serena Williams a Michael Jordan, a denunciare razzismo e violenze. Hamilton precisa che il suo appoggio va soltanto alla protesta pacifica. Ma aggiunge: «Non ci può essere pace finché i nostri cosiddetti leader non faranno un cambiamento. Non è soltanto l’America, questo è il Regno Unito, la Spagna, l’Italia e tutti gli altri. Il modo in cui le minoranze vengono trattate deve cambiare. Razzismo e odio non nascono nei nostri cuori, ma vengono insegnati». Oltre a Hamilton, sui social è arrivata la presa di posizione contro il razzismo di Daniel Ricciardo, pilota della Renault, cui sono seguiti i messaggi di Charles Leclerc della Ferrari («è nostra responsabilità denunciare il razzismo, non dobbiamo restare silenziosi») e Lando Norris (McLaren).

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
01/06/2020 14:39:47


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Automobilismo (Mondiale)

Prima storica volta della Formula Uno al Mugello >>>

Formula Uno: in Austria trionfa Bottas con Leclerc secondo >>>

La F1 parte ma ha paura dei piloti arrugginiti >>>

F1: presentato 'Le grand rendez-vous', film con Leclerc >>>

F1: Fia ufficializza 8 Gp, a Monza si correrà il 6 settembre >>>

Hamilton: “La F1 è razzista, io vedo chi non denuncia” >>>

Formula 1, semaforo verde: Mondiale al via il 5 luglio in Austria a porte chiuse >>>

F1: il Consiglio della Fia approva la riduzione del budget dal 2021 >>>

Lelouch e Leclerc in pista per il “Grand rendez-vous” >>>

F1, Gp Silverstone salta se Londra conferma la quarantena >>>