Opinionisti Il Direttore Davide Gambacci

La mascherina va indossata!

Rispettare le regole oggi per avere un mese di dicembre accettabile

Print Friendly and PDF

Usiamo la testa, ma quella attaccata al collo. Sia la Regione Toscana che l’Umbria, le due confinanti e di nostro principale interesse, dopo pochi giorni dall’ultimo DPCM firmato dal premier Giuseppe Conte sono passate da zone gialle ad arancione. Tradotto in pratica significa maggiori restrizioni che si vanno a sommare a quelle già presenti; quindi, oltre al coprifuoco nella fascia oraria 22-5, bar e ristoranti rimarranno chiusi e potranno fare solamente l’asporto o il domicilio. Allo stesso tempo, poi, sono vietati gli spostamenti tra Regioni e pure tra Comuni confinanti: una vera e propria mazzata per il mondo del commercio e della ristorazione, che chiaramente si va a sommare ad altri settori colpiti come quello alberghiero e del turismo a 360 gradi. Siamo arrivati a queste nuove restrizioni per un motivo ben chiaro: non ci attenevamo alle regole imposte per cercare di abbassare il numero dei contagi. La curva epidemiologica è sempre in costante crescita: dati che preoccupano, soprattutto perché il sistema sanitario non riesce a soddisfare le varie richieste. L’uso delle mascherine non viene fatto in maniera corretta: spesso si tende addirittura ad abbassarle, quasi che per gli uomini sono diventate un “porta barba”; in altri casi, invece, il naso non viene coperto ma ci limitiamo solamente alla bocca. Un grave, gravissimo errore che viene commesso con molta frequenza. Oggi, quindi, ci troviamo in zona arancione con forti limitazioni che preoccupano ulteriormente anche la tenuta economica: siamo, oltretutto, in un periodo delicato dell’anno quello che si avvicina al Natale dove solitamente crescono anche i consumi. Ma che Natale sarà? Riprendo la domanda già formulata in un precedente editoriale; sicuramente diverso, molto diverso dagli altri e decisamente sottotono con zero eventi. Bene (mica tanto!) se vogliamo avere un mese di dicembre accettabile dobbiamo stringere la cinghia ora, nelle prossime settimane di novembre. Se ci atteniamo alle regole – quindi mascherine, gel igienizzante e distanza – i contagi inevitabilmente si abbasseranno. Ma questo sta solamente a noi, solo a noi. Non aggraviamo ulteriormente la situazione.

Davide Gambacci
© Riproduzione riservata
11/11/2020 09:36:45

Il Direttore Davide Gambacci

Si avvicina al giornalismo giovanissimo e ne rimane affascinato. Dal 2009 è iscritto all’ordine dei giornalisti della Toscana dopo aver fatto esperienza in alcune testate locali. Nel 2010 diventa direttore del quotidiano online Saturno Notizie e inviato fisso del quotidiano Corriere di Arezzo. Nel 2011 é stato nominato anche direttore responsabile del periodico l’Eco del Tevere e vice direttore di Saturno Web Tv. Ideatore e regista di numerosi programmi televisivi, dove da il meglio di se dietro la telecamera. Inchieste e cronaca i campi di particolare competenza professionale. Ricopre anche il ruolo di addetto stampa per alcune associazioni e Enti.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Il Direttore Davide Gambacci

La mascherina va indossata! >>>

Niente palline con la mascherina >>>

Salta tutto, ma non saltiamo noi >>>

Non si può morire per un animale selvatico >>>

Tra mandati bis e studio dell’avversario >>>

Una poltrona per due >>>

“Smart Working”, la doppia faccia della stessa medaglia >>>

Divertiti, ma con la testa >>>

Il bianconero baciato dal sole del sud >>>

L’amore per gli animali è un’altra cosa >>>