Notizie Nazionali Cronaca

Covid-19: ipotesi proroga di un mese del blocco degli spostamenti

Pressing dei governatori: "Serve un cambio di passo"

Print Friendly and PDF

Il nuovo decreto legge Covid potrebbe prorogare di trenta giorni le limitazioni agli spostamenti legati all'emergenza. E' quanto confermano diverse fonti ministeriali, precisando che una decisione definitiva sulla data non è stata ancora presa. 

I limiti dovrebbero riguardare sia la mobilità tra le Regioni (il blocco scade il 25 febbraio) sia la possibilità di fare visita ad amici e parenti e cioè la regola che, per ora valida fino al 5 marzo, consente di spostarsi verso un'altra abitazione privata massimo in due persone, con i figli minori di 14 anni.

"Domani, al Consiglio dei ministri, porterò il documento inviatomi dalle Regioni all'attenzione del governo": lo avrebbe detto la ministra degli Affari regionali Mariastella Gelmini al vertice con le Regioni.

Un cambio di passo sulle norme che determinano i colori delle Regioni, per evitare i continui cambi, che leghi le decisioni a parametri più oggettivi e anche alla possibilità di indenizzi immediati alle singole categorie. Il tutto però senza abbassare la guardia perché le varianti corrono e impongono strette mirate ed immediate. Le Regioni chiedono questo al nuovo governo: vogliono una diga ai contagi, ma anche misure che tengano conto dell'oggettiva realtà dei casi sul territorio e delle sofferenze economiche. Per questo, come ha sottolineato il presidente della conferenza della Regioni, Stefano Bonaccini, "è necessario che i provvedimenti restrittivi regionali siano adottati con l'intesa del ministro della Salute". Ma sulla possibilità di una Italia tutta arancione, ovvero di restrizioni omogenee per l'intero territorio nazionale, si registrano dissensi.

Sulla proposta avanzata venerdì dal presidente Stefano Bonaccini concordano la Toscana, la Campania, la Lombardia, ma il vicepresidente della Conferenza Giovanni Toti, governatore ligure, ha espresso la sua contrarietà. "Il paese si aspetta di ripartire", ha detto. E ha proposto una zona gialla nazionale. Le Regioni vogliono un "deciso cambio di passo nella campagna vaccinale e per la ripresa economica". E il presidente della conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini sottolinea: "Occorre che le misure siano conosciute con congruo anticipo e tempestività dai cittadini e dalle imprese". L'altra richiesta è che "per i provvedimenti che introducono restrizioni particolari per singoli territori si attivino anche contestualmente gli indennizzi per le categorie coinvolte". Davanti ad un'ipotetica Italia tutta arancio ha tuonato anche il leader della Lega Matteo Salvini. "Basta con gli annunci, gli allarmi e le paure preventive", ha scritto su Facebook stigmatizzando "lockdown ingiustificati e generalizzati".

 

Redazione
© Riproduzione riservata
21/02/2021 19:58:49


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Italia prima nell’Unione Europea a bloccare l’export dei vaccini AstraZeneca >>>

Violenza sulle donne: flash mob a Roma, uomini con mascherine rosse >>>

Le mani dei clan catanesi sulle scommesse online illegali >>>

Coronavirus in Italia, il bollettino: 20.884 nuovi contagi e 347 decessi >>>

Faenza, omicidio di Ilenia Fabbri: la polizia arresta l’ex marito e un suo conoscente >>>

Sanremo chiude ristoranti e bar durante il Festival >>>

Firmato il Dpcm di Draghi: ecco tutte le regole in arrivo >>>

Covid, scoperta a Brescia la variante nigeriana e isolato il virus >>>

Cene e borse firmate con i soldi della società di mutuo soccorso: sei ai domiciliari >>>

Morto a 59 anni Claudio Coccoluto, il re dei dj >>>