Notizie Locali Cultura

Al via l'atto finale del 38esimo Premio Pieve Saverio Tutino

"Cercatori di pace" il filo conduttore: si comincia parlando di digitalizzazione

Print Friendly and PDF

Al via giovedì 15 settembre il Premio Saverio Tutino 2022 organizzato dall’Archivio dei diari di Pieve Santo Stefano: per la 38a edizione, venti appuntamenti dedicati ai Cercatori di pace. Nella giornata di apertura proveremo a dare una risposta alla domanda A che punto siamo con la digitalizzazione? -con Tiziano Bonini, Andrea Ciantar, Roberto Ferrari, Martina Magri, Alessandro Masserdotti, Paolo Simoni- in una tavola rotonda che darà voce a chi lavora per custodire e divulgare il patrimonio culturale, favorire nuove forme di fruizione e conoscenza;

alle 17 Gervasio Innocenti (nella foto) torna al Premio Pieve per presentare Con i piedi nel vuoto, (Terre di mezzo 2022), trasposizione del diario A casa del nonno, finalista nel 2021. Riflessione sulla pratica diaristica stessa avviata nelle lunghe giornate trascorse accanto al padre anziano, l’autore ne parlerà con Marco Annichiarico e Sara Ragusa. Letture di Andrea Biagiotti;

alle 18:30 Nicla Buonasorte, Nicola Maranesi, Paolo Masini e Anna Villari presentano al pubblico del Premio Pieve il Museo Nazionale dell’Emigrazione Italiana, voluto da Ministero della Cultura, Comune di Genova e Regione Liguria, con il coinvolgimento di molte realtà italiane e internazionali tra cui l’Archivio dei diari. Nato nell’iconica Commenda di San Giovanni di Prè -edificio del XII secolo, già luogo di accoglienza e punto di passaggio di un’umanità in transito, dai pellegrini alle crociate, fino agli emigranti dell’Ottocento- Il MEI vuole essere contenitore delle esperienze che hanno caratterizzato e che ancora caratterizzano la complessa realtà migratoria nazionale, una costante nella storia dell’uomo e un tratto distintivo di quella del nostro Paese.

Per il resto è tutto da verificare di Paolo Soglia e Donatella Allegro conclude questa prima giornata alle 21:45 nello spazio del Campo alla fiera. Il titolo dello spettacolo è una frase del diario della partigiana e antifascista Zelinda Resca, depositato presso l’Archivio. Tra il 2020 e il 2021 Anpi, Arci e Casa dei Popoli di Corticella – la frazione di Bologna in cui Zelinda Resca ha vissuto – hanno voluto riportare alla memoria collettiva questo materiale, insieme a un prezioso corpus di lettere che Zelinda ha ricevuto e scritto durante la lunga prigionia. Ne è nata una drammaturgia che rievoca il coinvolgimento ingiusto di Zelinda, negli anni ’50, in uno dei tanti processi che videro alla sbarra ex partigiani. Incarcerata per due anni e mezzo, di cui uno in manicomio criminale, Zelinda fu assolta con formula piena nel 1955. Anche regista e interprete, Allegro sarà in scena con Andrea Biagiotti, le musiche sono di Daniele Branchini e Paul Pieretto.
 
Esposizioni dal 15 al 18 settembre sarà possibile visitare le mostre Il tesoro dell’Archivio, a cura di Cristina Cangi, mostra dei manoscritti più belli (Palazzo Pretorio); le illustrazioni del progetto DiMMi, l’importante raccolta di diari di migranti che l’Archivio contribuisce a realizzare da dieci anni, raccolte nell’esposizione disegnami, a cura di Giovanni Cocco, Lorenzo Marcolin, Maria Virginia Moratti e Barnaba Salvador (Logge del Grano); Senza terra di Loretto Ricci. Operaio, sindacalista, Lorenzo realizza opere con plastiche, pietre, resine, cemento, legno, materiali di risulta e riciclati, sulle migrazioni, le guerre, la memoria (negli spazi dell’Asilo infantile Umberto I).

Redazione
© Riproduzione riservata
14/09/2022 09:45:38


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cultura

Umbertide: partecipato anche il secondo incontro sulla storia di Montecorona >>>

San Giustino, la Repubblica di Cospaia rivive nelle pagine del libro “Protocollo K.” >>>

“Le origini dell’abbazia di Montecorona”, incontro a Umbertide il 17 gennaio >>>

Silvia Chiassai Martini: "Gioiello e made in Italy, una grande opportunità per i nostri giovani" >>>

Biblioteca Carducci a Città di Castello: la Sala 43 diventa la Sala Paolo Rossi Monti >>>

Olivo morcone e gentile: se ne parlerà il 22 dicembre a Pieve Santo Stefano >>>

La biturgense Maria Gloria Roselli curatrice del libro su un manoscritto di Fosco Maraini >>>

Inaugurato il 782° anno accademico dell’Università di Siena >>>

Sansepolcro: il centro studi Dialogos riprende le proprie attività in presenza >>>

Inaugurazione del 782esimo anno accademico dell’Università di Siena >>>