Notizie Nazionali Cronaca

Trani, scambiate in culla 33 anni fa: Regione Puglia condannata a pagare un milione di euro

La donna ha vissuto una vita di stenti: maltrattata dal padre "sbagliato", fu data in adozione

Print Friendly and PDF

Due neonate scambiate in culla perché non furono loro applicati i braccialetti di riconoscimento. Una delle due fa causa alla Regione Puglia e ottiene a Trani un risarcimento di circa un milione di euro (da dividere con gli altri protagonisti, loro malgrado, della storia). E' questa la vicenda di una 33enne di Canosa in Puglia che otterrà il risarcimento assieme alla sua vera famiglia (madre, padre e fratello), a cui per 23 anni sono stati impediti i rapporti familiari. Ma l'intera vicenda ha contorni ancora più assurdi. 

La vicenda - La sentenza, di cui riferisce La Repubblica, arriva a dieci anni dalla scoperta dello scambio in culla di due bambine partorite il 22 giugno 1989 nell'ospedale di Canosa. Una di loro, Caterina (che credeva di aver partorito la bimba chiamata Lorena e invece era la mamma di Antonella) dovrà essere risarcita per 215mila euro, così come il marito, mentre 81mila euro andranno all'altro figlio, "per non aver potuto vivere compiutamente la relazione parentale".

Ad Antonella, invece, la Regione pagherà circa mezzo milione (a fronte di una richiesta di tre). La madre, quella a cui fu assegnata per errore dall'ospedale, - ricostruisce il quotidiano - l'ha abbandonata da piccola, il "padre" l'ha maltrattata al punto da farla finire in orfanotrofio e poi in adozione. Meno difficile ma non idilliaca la vita dell'altra bambina: Lorena ha avuto un rapporto difficile con i genitori ma non come quello di Antonella.

La scoperta della loro vera identità risale al 2012, guardando delle foto su Facebook e notando delle somiglianze tra donne che non avevano alcun legame. I sospetti vengono confermati l'anno successivo con il test del Dna che rivela che Antonella è figlia di Caterina e Lorena di Loreta. Passano gli anni e partono due cause di risarcimento milionarie alla Regione, una davanti al Tribunale di Bari l'altra dinanzi ai giudici di Trani, che hanno emesso la sentenza. Quest'ultimo ricorso è intentato da Antonella e dai suoi veri genitori. Dalla ricostruzione dei fatti risulta plausibile, oltre ogni ragionevole dubbio, che le due neonate siano state scambiate nelle culle del nido, subito dopo il parto: a nessuna delle due, infatti, fu applicato il braccialetto identificativo. Quindi, le puerpere non furono in grado di riconoscere l'errore. Il personale ospedaliero - è scritto in sentenza - ha l'obbligo di operare perché il parto e le successive cure avvengano senza danni, ma anche di "consegnare" alla madre il neonato che ha partorito. Da qui l'inadempimento contrattuale - come lo chiamano i giudici - da parte della struttura e il danno gravissimo provocato alle persone coinvolte nella vicenda. A pagare dovrà essere la Regione Puglia, mentre nei confronti delle Asl Bari e Bat, citate in giudizio dalla ricorrente, è stato escluso qualsiasi coinvolgimento perché, all'epoca dei fatti, l'ospedale di Canosa dipendeva dalla Regione. 

notizia e foto tratte da Tgcom 24
© Riproduzione riservata
20/09/2022 05:35:23


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Roma, il fidanzato le propone sesso a tre col fratello: lei rifiuta e i due cercano di violentarla >>>

Foggia: ucciso a colpi di pistola il padre del ragazzo reo confesso dell’omicidio di un 20enne >>>

Casarile (Milano), tentato infanticidio: bimba di 8 mesi non è in pericolo di vita >>>

Ponteventuno (Mantova), cade ultraleggero: un morto e tre feriti >>>

Salvato all’alba dopo la notte sul ghiacciaio con vestiti da trekking >>>

Scalea, spara alla ex compagna dopo una lite e poi si uccide >>>

Firenze, muore rider di 26 anni mentre fa l’ennesima consegna >>>

Como, era in lista d'attesa per un intervento nel 2011: la chiamano 11 anni dopo >>>

Insegnante ucciso nel Napoletano, il gip convalida l’arresto del bidello: resta in carcere >>>

Treviso, ruba tre auto e nella fuga uccide un ciclista. Fermato dai carabinieri >>>