Notizie Locali Cultura

Anghiari, al via oggi l'edizione 2022 del Festival dell'Autobiografia

Atteso domani l'arrivo di Franco Arminio, il "paesologo" più famoso d'Italia

Print Friendly and PDF

L’attesa è terminata, nel senso che oggi prende il via ad Anghiari l’edizione 2022 del Festival dell’Autobiografia, evento che durerà per l’intero fine settimana e che quest’anno ha per filo conduttore un argomento molto legato al luogo di svolgimento: “Un paese vuol dire non essere soli. Borghi e comunità in racconto nella valle della memoria”. Alle 10 di stamani il prologo a Palazzo Testi con “I luoghi preferiti dell’infanzia”, letture di testi raccolti dal circolo di scrittura a distanza con le riflessioni su tema. L’organizzazione è sempre a cura della Libera Università dell’Autobiografia, che ha scelto quale figura centrale di turno Franco Arminio, il “paesologo” più famoso d’Italia. Domani al teatro dei Ricomposti, con inizio alle 18.30, Arminio porterà la sua infaticabile testimonianza di cultore e difensore di quelli che, solo nel gergo comune, vengono definiti con il termine di “centri minori”. Proprio ad Arminio verrà consegnato il premio del Centro Nazionale Ricerche e Studi Autobiografici “Athe Gracci”, mentre Claudio Bacilieri, componente della commissione dell’associazione “I borghi più belli d’Italia”, riceverà il premio “Città dell’Autobiografia”. Tornando alla scaletta odierna, l’apertura ufficiale del Festival è prevista per le 15, sempre al teatro, con i saluti del sindaco Alessandro Polcri; della presidente della Libera Università dell’Autobiografia, Stefania Bolletti e dal fondatore della stessa, il professor Duccio Demetrio, i cui dipinti raffiguranti le colline sono in mostra nello showroom dell’azienda Busatti. “Le letterature dei luoghi, le memorie partecipate e salvate, quanto scriviamo dei borghi dei loro paesaggi e delle piccole città amate o rifuggite – ha sottolineato lo stesso Demetrio – sono quest’anno il grande tema esistenziale e simbolico del Festival dell’Autobiografia di Anghiari. I suoi messaggi vogliono sfidare le solitudini odierne che ci assediano, gli egocentrismi incuranti di tanta bellezza civile, estetica e umana. La scrittura, ancora una volta, lungi dall’essere soltanto un viaggio introspettivo, ha bisogno di ritrovare e raccontare le coralità del passato dando voce alle nuove”. Perché borghi e paesi si raccontano mentre si fanno raccontare. Importante anche la collaborazione con altre due realtà del comprensorio: l’Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano (memoria e autobiografia sono due facce della stessa medaglia) e Progetto Valtiberina. Filosofia, psicoanalisi, estetica dei luoghi; il silenzio nei luoghi e sui borghi e la passeggiata serale per le vie di Anghiari completano il menu della prima giornata.

Nella foto: il professor Duccio Demetrio, fondatore della LIbera Università dell'Autobiografia

La Nazione Arezzo
© Riproduzione riservata
30/09/2022 08:45:31


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cultura

Inaugurato il 782° anno accademico dell’Università di Siena >>>

Sansepolcro: il centro studi Dialogos riprende le proprie attività in presenza >>>

Inaugurazione del 782esimo anno accademico dell’Università di Siena >>>

Anche a Città di Castello il riconoscimento di "Città che legge 2022-2023" >>>

Umbertide: “I Camaldolesi a Fratta e nell’Alta Valle del Tevere: luoghi, uomini e spiritualità” >>>

Umbertide: inaugurata “La Fratta di Adriano”, oltre 200 visitatori nella giornata di apertura >>>

Sansepolcro: consegnato ieri il premio "Cultura della Pace" >>>

Sansepolcro: oggi la cerimonia di consegna del premio "Cultura della Pace" >>>

Il 6 novembre 1459 la morte della madre di Piero della Francesca >>>

"Il manicomio degli angeli": ad Arezzo la presentazione del libro di Lorenzo Fuligni >>>