Notizie Nazionali Cronaca

Padova, 26enne muore in un incidente stradale e c'è un retroscena

Pronta la festa di laurea, ma l’ateneo smentisce: “Nessuna discussione in programma”

Print Friendly and PDF

Uno scontro frontale violentissimo è costato la vita ad un giovane padovano poco dopo la mezzanotte del 29 novembre. L’impatto contro uno dei platani che costeggiano via Romana Aponense non gli ha lasciato alcuno scampo e il personale sanitario accorso pochi minuti dopo la tragedia non ha potuto fare altro che constatare l’avvenuto decesso del giovane, con tutta probabilità morto sul colpo. 

Che sia stata un’uscita di strada autonoma sarebbe l’unica certezza. Era da solo in auto. La procura di Padova aprirà un fascicolo di indagine sull’incidente mortale che nella notte tra il 28 e il 29 novembre è costato la vita a Riccardo Faggin, 26 anni. Gli inquirenti, attraverso la polizia locale di Padova, che ha effettuato i rilievi all’incrocio con via Latisana, vogliono capire con precisione come si siano svolti i fatti. In particolare, comprendere cosa abbia provocato la sbandata che ha portato la Opel della vittima ad invadere la corsia opposta di marcia fino a schiantarsi frontalmente contro un platano.

Il giovane era iscritto alla facoltà di Scienze Infermieristiche dell’Università di Padova e proprio il 29 novembre pare dovesse concludere il percorso di studi con la discussione della tesi. Tale dettaglio, uscito nell'immediatezza dei fatti da persone vicine alla vittima, è però stato smentito nel primo pomeriggio dall'ateneo. Era in programma nelle ore o nei giorni seguenti una festa, la famiglia e gli amici erano entusiasti e pronti a congratularsi per il traguardo raggiunto; ma in realtà non era prevista alcuna discussione della tesi da parte del candidato e Riccardo non era affatto in procinto di laurearsi. 

Gli investigatori sono al lavoro per capire se l’incidente sia stato provocato da un errore umano, oppure da una scelta volontaria da parte della vittima che, in preda ad un momento di sconforto, potrebbe aver perso la necessaria lucidità. Impossibile escludere un malore improvviso del conducente, un colpo di sonno, l’attraversamento di un animale, un guasto meccanico o altro ancora.

«Stiamo cercando di capire anche noi che cosa sia accaduto – ha dichiarato il padre, Stefano Faggin, visibilmente scosso – è un momento incredibilmente difficile e confuso, abbiate pazienza vi prego, non abbiamo nemmeno la forza di parlare».

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
30/11/2022 14:19:55


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Covid, Fedez perde la battaglia con il Codacons: “Non ci fu truffa” >>>

L’auto si ribalta vicino a Roma: morti cinque ragazzi tra i 17 e i 22 anni >>>

Baby Gang condannato a quasi 5 anni di carcere >>>

Napoli, diciottenne sullo scooter non si ferma all’alt e investe carabiniere >>>

Messina Denaro, trovata una pistola nel covo di Campobello di Mazara >>>

Terremoto, scossa di magnitudo 4.1 a Cesenatico: sospesa la circolazione dei treni in Romagna >>>

Abusa di una bambina chiamandola “Lolita”, condannato a 13 anni >>>

Contenzioso con un cliente, da Vodafone risarcimento record: 200 mila euro >>>

‘Ndrangheta, 11 arresti: nell’Est Europa la lavatrice per ripulire il denaro sporco >>>

Rapina nella villa del re della pasta Saturnino De Cecco >>>