Notizie Nazionali Cronaca

Mantova: il corpo non si trova, sospese le ricerche della 23enne scomparsa

L'ex fidanzato resta in carcere con l'accusa di omicidio

Print Friendly and PDF

Achiamare i carabinieri per segnalare l’omicidio di Yana Malayko, la barista ucraina di 23 anni, scomparsa giovedì pomeriggio dopo aver finito il suo turno di lavoro al bar Event Coffee di viale Europa, sarebbe stata la stessa titolare del locale, sorella dell’ex fidanzato della vittima Dumitri Stratan, 33 anni, di nazionalità moldava. 

L’uomo, lo ricordiamo, è stato arrestato venerdì dai carabinieri del nucleo investigativo di Mantova, con l’accusa di omicidio volontario premeditato e occultamento di cadavere. Reati pesantissimi che non possono non aver avuto un testimone. La donna avrebbe raccolto la confessione del fratello poi segnalata agli uomini dell’Arma.

Da qui il loro tempestivo intervento. Cristina, la titolare dell’Event Coffee, abita in un appartamento al secondo piano del palazzo dove c’è il bar. Da qualche tempo ospitava la giovane vittima. In un altro appartamento vive la madre del presunto omicida. Gli appartamenti sono stati messi sotto sequestro. Con tutta probabilità l’omicidio è stato commesso in uno di quei locali dove sarebbero state trovate tracce di sangue, il che farebbe supporre un accoltellamento.

Nel frattempo, nella giornata di domenica, sono state sospese le ricerche in zona Valle, in particolare nella torbiera di Astore. Ricerche del corpo che sono riprese lunedì mattina con impegnati i vigili del fuoco e la protezione civile.

«Non è stata trovata alcuna traccia della ragazza né di elementi che possano far pensare che sia stata gettata nell’acquitrino. Si dovrà cercare altrove, ma non sappiamo dove». L’unico che può dare indicazioni sarebbe l’arrestato che finora, però, ha tenuto la bocca chiusa.

Secondo gli inquirenti, avrebbe ucciso lui la donna, facendone poi sparire il cadavere. A incastrarlo, oltre alla sorella che ha chiamato i carabinieri, anche le immagini registrate dalle telecamere esterne di sorveglianza del palazzo, che lo avrebbero ripreso mentre stava trascinando verso la sua auto un grosso sacco nero dell’immondizia.

Un agricoltore, nella serata di venerdì, avrebbe tratto dal fango l’auto dello stesso Stratan, impantanatasi nell’area Valle. Per questo le ricerche della donna si erano concentrate da subito in zona in via Albana. Per tutta la giornata di sabato sono proseguite le ricerche con l’aiuto di un elicottero, di droni, cani da ricerca e nel pomeriggio con l’intervento dei sommozzatori dei vigili del fuoco. La giornata, come la serata di venerdì, si è conclusa con un nulla di fatto.

Sul movente, per ora si possono fare solo ipotesi. Fino a qualche mese fa Dumitru Stratan era fidanzato della ragazza, poi lei aveva deciso di lasciarlo. Voleva essere indipendente e costruirsi una vita in piena autonomia. L’aveva confidato alle amiche del cuore, ma l’insana gelosia dell’ex fidanzato avrebbe preso il sopravvento.

Da una prima ricostruzione dei fatti la ragazza, finito il suo turno di lavoro, giovedì sarebbe tornata nell’appartamento condiviso con la titolare del bar, Cristina Stratan, sorella del presunto assassino. Qui avrebbe incontrato Dumitru che vive in uno degli appartamenti del bar. Ne sarebbe nata una violenta discussione. Nulla si sa di cosa sia successo poi. L’uomo sarebbe però stato inquadrato dalle telecamere, come già detto, mentre portava in strada un sacco nero delle immondizie.

Chi conosceva la giovane vittima la descrive come una ragazza solare. È figlia unica. Il padre abita in Toscana e la madre in Canada. Proprio in questi giorni Yana aveva raccontato che entrambi i genitori sarebbero venuti a trovarla. La ragazza era molto conosciuta a Castiglione. Gli amici la conoscevano con il soprannome di “Boni”. «Una ragazza splendida - dicono - che voleva vivere la sua vita in modo autonomo».

Articolo tratto da La Gazzetta di Mantova.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
24/01/2023 06:02:57


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Parroco rimosso nel Pinerolese: sul suo conto transitati 500 mila euro >>>

Tornano freddo e gelo, spinti da una corrente artica in arrivo da oggi >>>

Catturato nel Napoletano il killer della ‘ndrangheta evaso dai domiciliari nel Milanese >>>

Frontale in galleria sulla A14, tre morti e un ferito: perdono la vita padre e due figli >>>

Roma, Francesco Totti e Ilary Blasi in tribunale per l’udienza sui Rolex e le borse “rubate” >>>

Regeni, la rabbia dei genitori: “Abbiamo i nomi" >>>

Pistole puntate e gioielli portati via, tre banditi rapinano Roby Facchinetti >>>

Addio a Gianfranco Lanci, l'italiano che salì ai vertici dell'industria informatica mondiale >>>

Caso Cospito, anticipata udienza in Cassazione. L’Antimafia: 41 bis o massima sicurezza >>>

Cancro, 380 mila casi nuovi ogni anno: 3,6 milioni gli italiani malati >>>